© Istock/torwai
© Istock/torwai

Songkran, il festival degli spruzzi d'acqua della Thailandia

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Probabilmente il più pazzo di tutte le tradizioni nazionali di Capodanno, Songkran, il festival degli spruzzi d'acqua della Thailandia, è oggi conosciuto anche in Europa. Alcuni luoghi - almeno alcuni club, se non intere città - hanno anche cercato di replicarlo. In Thailandia, è pura follia. L'intero paese si trasforma in un gigantesco acquatico libero per tutti, rendendo il viaggio irrealistico. Strade e autostrade diventano impraticabili e, ovunque tu vada, qualcuno ti farà presto girare un secchio d'acqua sopra la testa. Un'auto non sarà d'aiuto - squadre di water fighter formano catene vive attraverso le strade, costringendo i conducenti a fermarsi, e non lasciarli andare avanti fino a quando non rotolano giù per un finestrino, con conseguenze prevedibili. I turisti si distinguono, quindi di solito si trovano gli obiettivi primari. Nessuno immaginerebbe che questa vera e propria imitazione di un'invasione barbarica fosse iniziata come un rito di rispetto e venerazione.

© Istock/CatEdwards1
© Istock/CatEdwards1

L'origine di Songkran

Come molte tradizioni thailandesi, Songkran proviene dall'India Vedica. Il nome è una corruzione dei "sakranti" sanscrito - letteralmente, "passaggio". Questo termine è usato in astrologia indù per la divisione tra i periodi zodiacali - quando il sole passa da un segno all'altro. La data di confine tra i Pesci e l'Ariete è abbastanza importante in India e veniva celebrata come il nuovo anno. In Nepal, lo è ancora. Dopo tutto, è comune per la maggior parte delle culture vedere la morte dell'anno vecchio e la nascita di quello nuovo nei giorni più duri, quando la natura stessa muore. Da quel momento in poi, il tempo non potrà che migliorare. Nell'India tropicale secca tropicale, è stato prevedibilmente collocato nel mese più caldo: Aprile, quando le temperature scendono raramente sotto i 40°C. La Thailandia ha assorbito questo festival insieme a molte altre usanze bramaniche.

© Istock/panom
© Istock/panom

Lotta con l'acqua

Inizialmente, nella Thailandia buddista, Songkran era una festa solenne. L'acqua sarebbe stata spruzzata con cura sulle immagini di Buddha, monaci e anziani rispettati, o versata sulle loro mani. Questo è stato fatto per alleviare simbolicamente il caldo torrido di aprile - ed è ancora oggi fatto allo stesso modo. Ma anche i giovani thailandesi si sentivano caldi, così hanno semplificato il processo: hanno preso secchi e si sono spruzzati l'un l'altro. E' così che deve essere iniziato un giorno, molto tempo fa. Il lato cerimoniale di Songkran è ancora lì: entrare in un tempio e mescolarsi con la folla di fedeli, vestiti con i loro abiti più belli, e nel nord - anche in costumi tradizionali. Ma esci fuori - e avrai immediatamente un getto d'acqua in faccia. Tutto va in questa guerra umida: pistole ad acqua, pompe, manichette da fuoco. Feste selvagge sono organizzate su strade bloccate, a volte con i vigili del fuoco assunti per abbattere la folla che si surriscalda. Ogni casa tira fuori una canna, la collega alla rete elettrica con un tubo, e fornisce ai combattenti con ricariche illimitate. Gli stranieri sono i benvenuti a partecipare - cioè, se non lo fanno, saranno ancora bersagli mobili.

© Istock/hwannaa
© Istock/hwannaa

Sopravvivere Songkran

Se volete vedere il vero, storico, storico, buddista Songkran, ritiratevi in un piccolo villaggio, preferibilmente verso nord. Anche Isaan - Thailandia orientale - è una buona scelta. Non aspettatevi di rimanere asciutti anche lì, ma almeno avrete la possibilità di riemergere abbastanza spesso per inalare. In luoghi dove i turisti sono rari, i thailandesi sono timidi e possono essere convinti di risparmiarvi gli spruzzi - ma non contateci. Tutto ciò che può essere danneggiato dall'immersione in acqua deve essere conservato in sacchetti di plastica sigillati, altrimenti verrà completamente e completamente distrutto. Pianificate la vostra attrezzatura come fareste per scalare una cascata. Durante i tre giorni principali del festival, un ragazzo su due è ubriaco a metà pomeriggio. Il numero di incidenti stradali raddoppia nonostante la scomparsa del traffico e il blocco delle strade. Ricordatelo, soprattutto se si guida una moto. Feste selvagge, sia thailandesi (con palchi, musica pop e potenti tubi che bombardano i festaioli con l'acqua) che misti (nelle località turistiche) sono proprio questo - selvaggio. Le ragazze, in particolare, potrebbero voler stare attente. Se siete dopo il divertimento bagnato, alcune delle folle più pazze festeggiano a Khaosan Rd a Bangkok e intorno a Thapae Gate a Chiang Mai. Ma soprattutto, cercate di non pianificare alcun viaggio tra il 13 e il 17 aprile: gli autobus sono pochi e lontani tra loro, la maggior parte dei servizi sono chiusi, e gli hotel vengono prenotati con un mese di anticipo.

Khaosan Rd, Bangkok
Khaosan Rd, Bangkok
Thanon Khao San, Khwaeng Chana Songkhram, Khet Phra Nakhon, Krung Thep Maha Nakhon 10200, Thailand
Thapae Gate, Chiang Mai
Thapae Gate, Chiang Mai
Pratu Tha Phae Park, Tambon Si Phum, Amphoe Mueang Chiang Mai, Chang Wat Chiang Mai, Thailand

Lo scrittore

Mark Levitin

Mark Levitin

Sono Mark, un fotografo professionista di viaggi, un nomade digitale. Negli ultimi quattro anni sono stato in Indonesia; ogni anno trascorro circa sei mesi e l'altra metà dell'anno in viaggio verso l'Asia. Prima di allora, ho trascorso quattro anni in Thailandia, esplorando il paese da ogni punto di vista.

Altre storie di viaggio