© Mark Levitin
© Mark Levitin

Un fuggi fuggiasco di spiriti: Festival di Sak Yant a Wat Bang Phra

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Per un paese moderno e tecnologicamente avanzato, la Thailandia mostra un'eccezionale aderenza ai vecchi modi e alle usanze popolari quando si tratta di occultismo. Le case degli spiriti si trovano nei parcheggi dei grattacieli residenziali. Gli incantesimi segreti sono utilizzati per promuovere le carriere. I mercati degli amuleti competono per lo spazio con quelli dei cellulari di seconda mano. E molti thailandesi urbani vedono uno o più Sak Yant - tatuaggi magici. Questi disegni sacri devono essere inchiostrati nella pelle con speciali tinture, con l'accompagnamento di mantra recitati, dagli ajarns ("maestri" - monaci buddisti che si crede abbiano poteri soprannaturali). Si può fare in molti monasteri, ma nelle vicinanze di Bangkok un tempio ha acquisito una fama particolare per questo: Wat Bang Phra a Nakhon Pathom, a circa 50 km dalla capitale. Una volta all'anno, di solito intorno al marzo gregoriano, questo monastero organizza anche una grande festa. Vi partecipano pellegrini provenienti da tutto il paese per far ricaricare i poteri magici dei loro Sak Yant, ma c'è un bizzarro effetto collaterale: alcuni dei fedeli vengono posseduti dagli spiriti animali racchiusi nei loro tatuaggi. Il risultato è una fuga di uomini incantati che si sono dimenticati di essere uomini, correndo, saltando e strisciando verso i monaci. Pensate all'apocalisse degli zombie dal sapore sacro.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Omaggio a un insegnante

L'idea ufficiale del festival è Wai Kru - un omaggio, una cerimonia di rispetto per un grande maestro. A Wat Bang Phra, si tratta di Ajarn Luang Pho Pon, un monaco molto venerato. Ma essendo stato un maestro del tatuaggio di Sak Yant, anche il festival ruota attorno ai disegni sacri. Inizia efficacemente la notte precedente, quando un folto gruppo di pellegrini ajarns inchiostrano a inchiostro i pellegrini uno per uno, per tutta la notte. Poi, al mattino presto, inizia il rituale principale: i monaci cantano da un palco, accanto al monumento di Luang Pho Pon, e i fedeli, seduti a gambe incrociate nel cortile aperto, meditano a questo suono. L'energia scorre, i tatuaggi si ricaricano, fino a quando un'improvvisa impennata della corrente invisibile scuote i pellegrini, e decine di essi vengono posseduti in una volta sola. Tigri, scimmie, coccodrilli e rane in corpi umani si precipitano verso il palco, per essere affrontate e portate giù da un plotone di soldati, circondando i monaci proprio per questo scopo. La follia cessa, per poi ripetersi pochi minuti dopo. In Asia non mancano le cerimonie di possesso dello spirito, ma questa è tra le più eccezionali.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Praticità

Wat Bang Phra si trova abbastanza vicino a Bangkok da poter viaggiare direttamente da lì. I furgoni pubblici per Nakhon Pathom vi lasceranno all'incrocio giusto se lo localizzate prima su Google Map e avvertite l'autista. Da lì si può prendere un taxi o fare l'autostop. Il modo migliore per vedere la cerimonia sarebbe quello di arrivare la sera, osservare l'inchiostrazione di Sak Yants di notte, dormire sul terreno del tempio (che significa letteralmente a terra - essere preparati), poi assistere al festival la mattina. Un avvertimento: quando gli adoratori posseduti da spiriti animali si precipitano sul palco, ignorano qualsiasi cosa e chiunque si trovi sul loro cammino. La cosa intelligente da fare è nascondersi dietro i soldati, vicino ai monaci. Abbiate cura dell'attrezzatura fotografica e tenete le orecchie aperte: se sentite ringhiare da dietro, abbassatevi!

© Mark Levitin
© Mark Levitin
Wat Bang Phra, Nakhon Pathom
Wat Bang Phra, Nakhon Pathom
หมู่ 3 นฐ.4014 Tambon Bang Phra, Amphoe Nakhon Chai Si, Chang Wat Nakhon Pathom 73120, Thailand

Lo scrittore

Mark Levitin

Mark Levitin

Sono Mark, un fotografo professionista di viaggi, un nomade digitale. Negli ultimi quattro anni sono stato in Indonesia; ogni anno trascorro circa sei mesi e l'altra metà dell'anno in viaggio verso l'Asia. Prima di allora, ho trascorso quattro anni in Thailandia, esplorando il paese da ogni punto di vista.

Altre storie di viaggio