Cover picture © credits to Facebook/Manastir Stuplje
Cover picture © credits to Facebook/Manastir Stuplje

Monastero di Stuplje, una fenice della Chiesa ortodossa serba

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Al punto triplice tra le tre cittadine della Bosnia-Erzegovina settentrionale - Prnjavor, Čelinac e Teslić, si trova il monastero di Stuplje, una vera fenice tra i luoghi sacri della chiesa ortodossa serba. A soli 50 km ad est da Banja Luka, la seconda città più grande della Bosnia-Erzegovina, è possibile raggiungere il monastero di Stuplje in un'ora di macchina. Questo monastero serbo-ortodosso medievale fu probabilmente fondato nel XIII secolo, durante l'ascesa del Regno di Serbia, come il monastero di Liplje. Il santuario sorge in mezzo a una natura incontaminata e a scenari sereni, ma il suo destino non era affatto pacifico. Immergiamoci nella sua storia per scoprire maggiori dettagli.

Breve storia del monastero di Stuplje

Il monastero di Stuplje si trova nel villaggio Gornji Vijačani, su un piccolo fiume Manastirica e la località chiamata Crkvište. La chiesa principale del monastero è dedicata all'Arcangelo Michele. Secondo alcune fonti storiche, il complesso monastico fu costruito e fondato dal re serbo Dragutin (1276-1282) alla fine del XIII secolo, circa nello stesso periodo del monastero di Liplje. Questi due monasteri hanno avuto una storia abbastanza simile, e sono situati a soli 20 km l'uno dall'altro. Per la prima volta il monastero è stato menzionato nelle cronache che risalgono al XV secolo. Anche in questo caso, come il monastero di Liplje, fratello gemello, i monaci di questo santuario hanno svolto un ruolo importante nella trascrizione di libri religiosi nel XVII secolo.

Come sono state scoperte le fondamenta di un monastero bruciato?

Picture © credits to Facebook/Manastir Stuplje
Picture © credits to Facebook/Manastir Stuplje

Nel 1696 il complesso monastico fu completamente raso al suolo dagli Ottomani e per 300 anni nessuno sapeva dove si trovava questo luogo sacro. Così, durante la maggior parte del XX secolo, gli archeologi sapevano solo che il santuario doveva trovarsi nelle vicinanze del monastero di Liplje, ma l'esatta ubicazione è rimasta un mistero. Solo nel 1994, quando hanno iniziato ad esplorare il villaggio Gornji Vijačani, ovvero la località Crkvište (che significa "chiesa"), il torrente Manastirica (che significa "monastero") e la collina Kaluđersko brdo (che significa "collina dei monaci"), hanno scoperto le fondamenta del vecchio monastero di Stuplje. Hanno scoperto che la chiesa precedente era una basilica (lunga 14 metri e larga 7,5 metri) e hanno scoperto i detriti del monastero bruciato. Successivamente, l'arcivescovo di Banja Luka ha deciso di ricostruire il monastero sul luogo dei ritrovamenti archeologici e nel 2008 è stato consacrato il nuovo monastero di Stuplje.

Cosa vedere in giro?

Picture © credits to Wikipedia/Suvajac
Picture © credits to Wikipedia/Suvajac

Se siete amanti della storia, non potete perdervi il monastero di Stuplje, una vera fenice della chiesa ortodossa serba in Bosnia-Erzegovina. E quando ci si trova già nella regione settentrionale del paese, c'è un'altra rarità che vale la pena di visitare - una chiesa di legno a Palačkovci, che risale al 1843. Questa chiesa unica nel suo genere, dedicata a San Pietro e San Paolo, è stata costruita solo in legno di quercia ed è stata protetta come monumento del patrimonio culturale. E se anche voi siete amanti delle terme, dopo queste esplorazioni storiche e religiose, a soli 15 km dal monastero di Stuplje, potete trovare Banja Kulaši, famoso complesso termale e di benessere, noto fin dall'epoca romana per le sue acque termali curative.

Stuplje Monastery
Stuplje Monastery
Vijačani Gornji, Bosnie-Herzégovine

Lo scrittore

Ljiljana Krejic

Ljiljana Krejic

Sono Ljiljana, della Bosnia-Erzegovina. Essendo un giornalista, non posso sfuggire a questa prospettiva quando viaggio. La mia missione è farvi esplorare l'ultima gemma ancora da scoprire in Europa.

Altre storie di viaggio