© istock/leoaleks
© istock/leoaleks

Giardino d'estate a San Pietroburgo: fiori e sculture

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Mentre in ogni città affollata, c'è sempre una domanda dove andare per godersi la natura e respirare, mentre si lasciano andare i pensieri stressanti. A San Pietroburgo, uno di questi luoghi è il Giardino d'Estate, o 'Letny Sad' in russo - una bella piazza con piante e sculture. Inizialmente era stato progettato per essere un giardino formale alla francese, cioè un giardino basato sulla simmetria. Oggi, tutti possono andarci per lasciarsi ispirare dalla natura e dall'atemporalità, poiché il Giardino d'Estate ha quasi la stessa età di San Pietroburgo.

Torna all'inizio

© istock/OlyaSolodenko
© istock/OlyaSolodenko

Il Giardino d'Estate è stato fondato all'inizio del XVIII secolo. Non è stato tutto d'un tratto, visto che la zona era già in uso, ed era di proprietà di un sindaco svedese. Mentre sceglieva il territorio per stabilire la propria residenza estiva, l'imperatore Pietro il Grande decise di prendere in considerazione quella già in uso. L'imperatore ordinò di costruire per lui un palazzo estivo, che fu eseguito dal famoso architetto Domenico Trezzini. La residenza, costruita nello stile del barocco petrino, è molto semplice e difficilmente ricorda un palazzo. Dispone di 14 camere e due cucine e ora funge da museo.

Il Giardino d'Estate che circonda il palazzo è stato progettato da Pietro il Grande in persona. Si dice che l'imperatore volesse eclissare Versailles, fondata dal re Luigi XIV di Francia. All'inizio, Pietro il Grande voleva che il territorio fosse piantato solo da fiori. Ma, poiché erano in fiore solo nella stagione estiva, il giardino è stato chiamato il "Giardino d'Estate".

Aspetto

© istock/Eshma
© istock/Eshma

Il Giardino d'Estate di San Pietroburgo è stato progettato proprio secondo tutte le regole importanti dei giardini dei formulari francesi. Questo significa che ci sono vicoli dritti, una disposizione rigorosa, sculture e fontane. Il Giardino d'Estate ha una specialità così unica come l'essere circondati dall'acqua da tutti e quattro i lati. Purtroppo ha sofferto molto dopo una delle più forti inondazioni del 1777, e le fontane sono state distrutte. Ma, alla fine del XVIII secolo, il Giardino d'Estate ha ottenuto una delle cose più significative per cui è famoso al giorno d'oggi: una massiccia griglia in ghisa con tre cancelli.

Grazie alle numerose sculture erette nel Giardino d'Estate di San Pietroburgo, può essere definito un vero e proprio museo all'aperto. All'inizio, Pietro il Grande li consegnò personalmente dall'Italia e li apprezzò molto. Molte statue sono state distrutte dalle inondazioni o semplicemente messe in altri luoghi, come altre residenze. A parte questo, il tempo e i vandali hanno influenzato molto il resto delle statue. Ecco perché ora quello che vediamo nel Giardino d'Estate sono copie messe al posto delle statue originali, che ora sono conservate nel Palazzo Mikhailovsky. Una delle cose più belle del Giardino d'Estate è l'enorme vaso che si trova vicino allo stagno di Karpiev. Fu data all'imperatore Nicola I di Russia dal re Carlo XIV Giovanni di Svezia dopo la fine delle guerre tra i due paesi.

Ora, situato a due passi dal Campo di Marte a San Pietroburgo, il Giardino d'Estate è una bella piazza con piante e sculture. Lasciatevi ispirare nel modo in cui ha ispirato il famoso autore Alexander Sergeevich Pushkin, i poeti Vassily Andreevich Zhukovsky, Alexander Alexandrovich Blok, a cui piaceva passare il tempo qui. Il giardino ha attirato più persone come il compositore Pyotr Ilyich Chaikovsky, il romanziere Ivan Alexandrovich Goncharov, il favolista Ivan Andreevich Krylov (il cui monumento si trova nel Giardino d'Estate), e molti altri personaggi di spicco della cultura russa.

Summer Garden, St. Petersburg
Summer Garden, St. Petersburg
Summer Garden, Naberezhnaya Lebyazh'yey Kanavki, Sankt-Peterburg, Russia, 191186

Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Maria Selezneva

Maria Selezneva

Ciao, io sono Maria, o Masha, come mi chiamano i russofoni. Sono la vostra guida locale per i luoghi da non perdere e anche per i luoghi fuori dai sentieri battuti di Mosca e San Pietroburgo. Vi mostrerò le mie destinazioni preferite in entrambe le città, dove potrete sentire il vero spirito delle tradizioni locali.

Altre storie di viaggio