© Wikipedia/ Giridhar Appaji Nag Y
© Wikipedia/ Giridhar Appaji Nag Y

Il patrimonio del Tempio di Kalighat Kali a Calcutta

4 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

L'induismo è una delle religioni più antiche del mondo e la più grande religione dell'India. La dea Kali è l'incarnazione di Shakti, la principale divinità femminile dell'induismo. Da qui, troverete i templi di Kali sparsi in lungo e in largo in tutta l'India. Tuttavia, solo una manciata di essi può eguagliare la reputazione del Tempio di Kalighat. Secondo la mitologia indù, quando il Signore Shiva eseguì la sua danza distruttiva, il taandav, con la dea Sati tra le braccia, dopo aver sacrificato se stessa, il corpo di Sati si smembrava in 51 parti cadute dal cielo. Si dice che i luoghi in cui caddero le parti del corpo, divennero luoghi sacri di culto di Shakti e divennero noti come Shakti Peethas. Il tempio di Kalighat è uno dei 51 Shakti Peethas e la leggenda vuole che una delle dita dei piedi destra della Dea sia caduta nel luogo sulla riva del canale del fiume Adi Ganga dove oggi sorge il tempio. Con il suo posto d'onore nelle credenze della gente e il suo patrimonio unico, il Tempio di Kalighat Kali è una visita imperdibile durante il vostro viaggio a Calcutta, la Città della Gioia.

La storia nebbiosa del Tempio di Kalighat Kali

 © Wikimedia Commons/ Ankur P
© Wikimedia Commons/ Ankur P

Il Tempio di Kalighat è racchiuso in una rete di miti. È opinione diffusa che due santi, Brahmananda e Atmaram Giri, abbiano scoperto il fossile di una delle dita dei piedi destra della dea Sati da Kalikunda, uno stagno della zona. Questa scoperta ha dato a Kalighat il riconoscimento di Shakti Peeth. Nel 1809, Sabarna Roy Choudhury, lo Zamindar (proprietario terriero) della regione, costruì il complesso di templi che sorge oggi nel vivace quartiere di Calcutta sud.

 © iStock/ Danielrao
© iStock/ Danielrao

Tuttavia, il tempio di Kalighat è stato citato più volte nelle scritture religiose indù del XV e XVII secolo. Forse perché Raja Basanta Roy, il re di Jessore (attualmente in Bangladesh), aveva costruito un tempio nello stesso luogo che era un luogo di sosta su un'importante rotta commerciale. Lo stesso tempio ha raggiunto lo status di Shakti Peeth ed è stato rinnovato più di due secoli fa. Vi affascinerà sapere che anche le monete del periodo Gupta (319-543 CE) sono state rinvenute nella regione. Così, come si può vedere, la storia del tempio è stata impantanata in folclore e controversie che hanno solo contribuito all'enigma del tempio.

Intorno al tempio di Kalighat Kali

 © Wikipedia/ Sankarrukku
© Wikipedia/ Sankarrukku

Il tempio di Kalighat Kali ha un santuario sanctorum che è una struttura a cupola unica. All'interno di questa struttura risiede l'idolo del famoso Kalighat Kali, la cui lingua sporgente e quattro mani sono fatte di oro puro. Questa struttura è accompagnata dal nat mandir, una sala da ballo. Un tempio di Shiva si trova a nord-est del santuario principale e un tempio di Radha-Krishna si trova a est. In un'area chiusa dietro il complesso principale, si trovano i circa 100 negozi da cui è possibile acquistare l'armamentario necessario per offrire le proprie preghiere alla Kalighat Kali. In cambio di una carica simbolica, il panda (un bramino che guida i pellegrini che offrono preghiere) del negozio dove avete scelto di fermarvi, vi aiuterà a guidare il vostro cammino all'interno del complesso del tempio. E visto quanto il tempio di Kalighat Kali tenda ad essere affollato di solito, sarete più che grati del suo aiuto. All'esterno del complesso del tempio, ci sono molti negozi da cui è possibile acquistare souvenir.

Come e quando visitare il Tempio di Kalighat Kali

 © iStock/ Radiokukka
© iStock/ Radiokukka

Il Tempio di Kalighat Kali si trova a un chilometro dalla stazione della metropolitana di Kalighat, lungo il viale Rashbehari e la Kalighat Road. È possibile usufruire di un taxi o di un autobus per raggiungere il tempio da qualsiasi parte della Città della Gioia. Il tempio rimane aperto al pubblico dalle 5 alle 14 e dalle 17 alle 22.30 in tutti i giorni della settimana. Tra le 14.00 e le 17.00, Bhog (il cibo offerto alla divinità) viene offerto alla Kalighat Kali e quindi il santuario sanctorum rimane chiuso al pubblico tra quelle ore.

Di fede e di devozione

 © Hitaishi Majumder
© Hitaishi Majumder

Ogni anno, centinaia di migliaia di devoti visitano il tempio di Kalighat Kali per offrire le loro preghiere e tornare indietro con la solenne convinzione che la Kalighat Kali farà sparire i loro dolori. Il Tempio di Kalighat è uno dei più importanti siti del patrimonio culturale della città di Calcutta e ha un passato mistificante che fa parte della sua leggendaria statura. Quando siete in India, un viaggio in uno degli Shakti Peethas vi darà un grande senso delle tradizioni e della cultura radicata nell'Induismo, che è praticato dall'80% della popolazione indiana. E non c'è posto migliore del Tempio di Kalighat Kali a Calcutta per farvi conoscere questo lato del paese.


Lo scrittore

Hitaishi Majumder

Hitaishi Majumder

Ehi, sono Hitaishi, un editore con sede a Kolkata, in India, e sono qui per presentarvi diverse parti del mio incredibile paese attraverso le mie storie di viaggio sulla gastronomia, la cultura, la storia e molto altro ancora!

Altre storie di viaggio