© Wikipedia/Nachcommonsverschieber
© Wikipedia/Nachcommonsverschieber

L'eredità della Via della Seta: Tash Rabat caravanserraglio in Kirghizistan

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Costruito nel XV secolo durante la fioritura della Grande Via della Seta, Tash Rabat è un monumento architettonico per il commercio che ha cambiato il mondo. Serviva come caravanserraglio per i viaggiatori che attraversavano i Monti Tian-Shan. Situato a 3600 metri sul livello del mare, letteralmente in mezzo alle montagne, era l'unico edificio dove gli escursionisti potevano trovare l'esilio dal freddo e dai ladri. Ha un grande valore storico come finestra sul passato e un significato architettonico come uno dei pochi edifici in Kirghizistan che si sono conservati dall'epoca del commercio della seta.

Una piccola oasi in montagna

© Flickr/STATIC6
© Flickr/STATIC6

Una delle principali attrazioni architettoniche del Kirghizistan, Tash Rabat, è un simbolo dell'architettura di montagna. Si trova in una pittoresca gola dei Monti Tian Shan, vicino al fiume Tash Rabat, a 110 km dalla città di Naryn e non lontano dai confini cinesi. Quando la Grande Via della Seta era piena di roulotte di commercianti, la fortezza di Tash Rabat aveva una funzione di caravanserraglio. Parlando in termini moderni, era un hotel, dove i viaggiatori potevano dormire, comprare più cibo per la strada, cambiare i cavalli e persino scambiare merci con la gente del posto. La sua posizione, al centro dei Monti Tian Shan, ha aiutato i viaggiatori provenienti dalle regioni di Qashqar, Fergana e Chuy a incontrarsi.

Visitare il grandioso Tash Rabat

© Flickr/STATIC6
© Flickr/STATIC6

Ci sono ancora molti caravanserragli della Grande Via della Seta. Ciò che rende speciale il Tash Rabat è la sua posizione nel vasto spazio aperto, difficile da raggiungere. Ancora oggi, nel XXI secolo, la strada può essere sepolta nella neve, e difficilmente visibile, per non parlare di un mal d'altitudine che si potrebbe sperimentare o di frequenti terremoti. Ecco perché questi vasti paesaggi e la mancanza di altri turisti, possono far sentire l'atmosfera medievale e riflettere su quanto fosse difficile viaggiare a quei tempi. Gli archeologi trovano misteriosa la disposizione di Tash Rabat, in quanto la disposizione è insolita per un caravanserraglio, e ricorda più di un monastero. Recentemente, si è scoperto che nell'anno 900 c'era un monastero cristiano nello stesso luogo, e forse i viaggiatori hanno adattato l'edificio alle esigenze di quei tempi. Di forma quadrata, costruita interamente in pietra, ha 34 stanze ed è illuminata solo dai fori sui tetti. Al centro della struttura si trova una cupola, probabilmente il luogo principale dove i visitatori potevano mangiare e celebrare riti religiosi.

© Flickr/STATIC6
© Flickr/STATIC6

Contrariamente a quanto suggerisce il nome, la Grande Via della Seta non era affatto così liscia. Molte persone hanno dovuto sacrificare la loro vita in queste terre aspre per permettere lo scambio di beni, culture e idee tra est e ovest. I caravanserragli erano un rifugio sicuro per viaggiatori coraggiosi. Tash Rabat, ancora un edificio solitario, circondato da montagne, raffigura l'epoca del viaggio ascetico. Sembra che il tempo si sia fermato qui dal XV secolo.

Tash Rabat
Tash Rabat
Kirghizistan

Lo scrittore

Gulzat Matisakova

Gulzat Matisakova

Salve. Sono Gulzat, del Kirghizistan. Ho studiato documentari in Europa. Nel tempo libero mi piace guardare film ed escursioni. Sono qui per guidarvi attraverso i tesori del Kirghizistan.

Altre storie di viaggio