Il canto dell'albero di albicocche

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

La leggenda vuole che sia così: Il vento era innamorato dell'albicocco e giocava con le sue foglie verdi. Una volta che il re dei venti, la tempesta, imparando su questo ha arrabbiato e ha deciso di distruggere la foresta. Il vento ha detto la tempesta che non può vivere senza il suo albero amato. La tempesta ha detto che manterrà l'albicocco, ma il vento non volerà mai più verso il cielo blu, altrimenti, sarà tornato a distruggere la foresta. Arrivò l'autunno, le foglie dell'albero caddero e il vento non poté più giocare con lei. Si annoiava e decise di volare verso il cielo, dopo di che la tempesta ha rotto i rami dell'albero. Un giovane, che stava raccogliendo legna per riscaldare la casa, prese un ramo morbido dell'albicocco spezzato e fece un corpo di strumento. Una volta toccato con i suoi salti i suoni caldi, morbidi e nel frattempo tristi dello strumento sono diventati una musica toccante dando una seconda vita all'albero, che cantava la sua triste storia d'amore. Da allora questo strumento è considerato l'anima dell'albicocca ed è chiamato Duduk o Tsiranapogh.

Crediti verso hanti83

Nel 2008 l'armeno Duduk è stato iscritto nella Lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell'umanità dell'UNESCO. La storia di Duduk risale ai tempi del re armeno Tigran il Grande (95-55 aC) e fino ad ora è molto popolare in Armenia.

In Armenia, ci sono quattro tipi di duchi che sono ampiamente utilizzati. Queste varietà di duduk danno l'opportunità di esprimere diversi stati d'animo e l'idea della storia dietro ogni musica (per esempio il duduk lungo che ha 40 cm di lunghezza è usato per suonare canzoni d'amore, mentre quello più corto che ha 28 cm di lunghezza è usato principalmente per suonare musica per balli). Idealmente, sul palco ci dovrebbero essere due musicisti con duello - uno di loro suona un drone continuo e l'altro suona la melodia.

Crediti per Talashow

Se state pensando di acquistarne uno potete trovarlo a Vernissage.

Il duduk armeno ha impressionato anche un pubblico internazionale. E 'ampiamente utilizzato nelle colonne sonore di diversi film come Il Gladiatore, Ronin e così via, in molte canzoni popolari internazionali così come in opere di diversi compositori internazionali come Yanni e molti altri. Durante la sua vita, l'albicocco ascolta il suono della natura, una musica della pioggia, un canto delle montagne, la voce del vento, l'eco dei fiumi... nelle mani di musicisti di talento, duduk sembra essere "cantando" di tutti quei ricordi.

Vernissage
Vernissage
Aram Street, Yerevan, Armenia

Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Lusine Vardanyan

Lusine Vardanyan

II'm Lusine, dall'Armenia. Mi piace viaggiare ed esplorare nuovi posti. Mi interessano l'arte, la cultura, la musica e lo sport. Su itinari vi mostrerò l'Armenia come la vedo io.

Altre storie di viaggio