© Caporales San Simón de Sucre
© Caporales San Simón de Sucre

Le storie dietro i balli del Carnevale di Oruro

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Non c'è dubbio che il Carnevale di Oruro sia un evento impressionante, con tanti colori, musica dal vivo, costumi notevoli e balli tipici. Ma, oltre a questo, ogni rappresentazione eseguita ha un significato che affonda le sue radici in diversi punti della storia - dall'epoca pre-coloniale a qualche decennio fa. Volete conoscere l'origine di queste rappresentazioni?

Oruro Carnival
Oruro Carnival
© Ministerio de Culturas y Turismo/Angie Salgar Caballero
© Ministerio de Culturas y Turismo/Angie Salgar Caballero

Diablada

La "Diablada" è la danza centrale di questa festa e affonda le sue radici nella seguente storia pre-coloniale. Gli Uros erano gli antichi abitanti del territorio di Oruro. Essi erano soliti adorare Wari, che è considerato lo spirito universale, anche se, in seguito, hanno iniziato a dare i loro favori a una divinità chiamata Pachakama. Furioso, Wari inviò quattro piaghe agli Uros, ma Ñusta, la figlia di Pachakama, li combattè, salvando gli Uros, che la nominarono loro protettrice.

I conquistatori spagnoli, che volevano portare la religione cattolica, associavano la Ñusta alla Vergine Maria. Questa combinazione portò alla creazione dell'attuale Vergine del Socavon; allo stesso tempo, Wari si imparentò con il diavolo.

Diablada nasce come rappresentazione dell'esercito del diavolo (Wari), in marcia verso la Vergine del Socavon (Ñusta). Ad accompagnare questo esercito di diavoli, c'è un mix di personaggi di entrambe le culture. Per esempio, l'Arcangelo Gabriele - cattolico - danza insieme al Condor - un animale sacro andino legato al mondo superiore.

© iStock/JeremyRichards
© iStock/JeremyRichards

I minatori sono i primi arruolati per ballare la Diablada. Hanno un grande rispetto per il guardiano degli inferi - non importa se viene chiamato diavolo, Wari, o el Tío-. Così, danzano per soddisfarlo. In questo modo, lui li tiene al sicuro mentre lavorano giù nelle miniere. Poi, dopo essersi esibiti, marciano in ginocchio verso la Vergine del Socavon, la loro protettrice sulla terra.

Santuario de la Virgen del Socavón, Oruro
Santuario de la Virgen del Socavón, Oruro
© Ministerio de Culturas y Turismo/Angie Salgar Caballero
© Ministerio de Culturas y Turismo/Angie Salgar Caballero

Morenada

"Morenada" rappresenta gli schiavi africani portati in Bolivia per l'estrazione mineraria. Le sue maschere con gli occhi sporgenti e la lingua fuori mostrano la loro indescrivibile stanchezza fisica e interiore. Riflettendo anche il lavoro estenuante, pesanti costumi - da 10 a 30 chilogrammi - vestono i ballerini che sviluppano una danza pesante e lenta ma ritmica: sembra che stiano cadendo di lato.

© iStock/JeremyRichards
© iStock/JeremyRichards

Saya afro-boliviana

La "Saya afro-boliviana", invece, è una danza gioiosa, con un ritmo contagioso di percussioni, nata nella regione di Yungas. È stata creata come parte della cultura dei discendenti africani fuggiti dalla schiavitù, trovando un rifugio sicuro nelle terre tropicali della Bolivia, dove hanno creato le loro comunità.

© iStock/rchphoto
© iStock/rchphoto

Caporal

"Caporal", ispirato ai ritmi afro-boliviani, è stato presentato per la prima volta al mondo in Bolivia, nel 1969. Il suo "carattere maschile" è presentato con un husky e un bel sorvegliante di razza mista che può "scuotere la terra" con i suoi passi forti.

© Caporales San Simón de Sucre
© Caporales San Simón de Sucre

La coppia di questo personaggio è una femmina civettuola, che mescola una forte scossa d'anca con graziosi movimenti delle braccia.

© iStock/JeremyRichards
© iStock/JeremyRichards

Ma le donne possono anche eseguire la potente danza maschile, vestita come un personaggio chiamato "macha".

© iStock/JeremyRichards
© iStock/JeremyRichards

Questo particolare ballo ha raggiunto una tale popolarità all'estero che attualmente viene eseguito in carnevali e festival internazionali in paesi come Perù, Argentina, Cile, Spagna e Stati Uniti, tra gli altri.

Tinku

"Tinku" deriva da una cerimonia pre-coloniale, in cui combattenti maschi provenienti da diverse comunità del nord di Potosí e del sud di Oruro combattevano fino alla morte. Oggi i combattimenti non sono così estremi, ma continuano ad accadere, mentre la musica regionale viene suonata dal vivo. Gli assistenti eseguono una divertente danza che circonda i combattenti.

© iStock/JeremyRichards
© iStock/JeremyRichards

Anche se più di 30 rappresentazioni compongono il Carnevale di Oruro, ora che ne conoscete le principali, potreste capire quanto siano antiche le radici di questa festa e quanto fatti storici e culture diverse abbiano plasmato questo evento, rendendolo unico!


Lo scrittore

Vanesa Zegada

Vanesa Zegada

Sono Vanesa dalla Bolivia, e sono un vero amante del mio paese. Non smette mai di sorprendermi, anche se sono di qui. E' un paese ricco di diversità, tradizioni, luoghi interessanti, che voglio condividere con voi attraverso le mie storie di viaggio su itinari.

Altre storie di viaggio