Cover photo © Credits to Flickr / still wanderer
Cover photo © Credits to Flickr / still wanderer

La storia di Cele-kula, un'inquietante torre costruita a partire da teschi umani

4 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Quando si sente parlare dell'intero edificio fatto di teschi umani, il primo pensiero potrebbe essere il Game of Thrones, o qualche spettacolo televisivo o film di fantasia epica simile. Ma non se venite dalla Serbia, nel qual caso pensate ad una surreale torre Cele-kula a Nis, che avete visitato almeno una volta in gita scolastica. Cele-kula è un'inquietante torre costruita a partire da teschi umani, come monito a chi disobbedisce, durante i tempi bui del dominio ottomano. Difficile da digerire e intimidatorio da guardare, la torre è diventata un monumento nazionale che simboleggia libertà, indipendenza e coraggio.

La battaglia dell'aceto

Dopo aver vissuto per più di 400 anni sotto la tirannia ottomana, il popolo serbo ha usato la rabbia accumulata e l'impulso per la libertà di organizzare la prima rivolta serba nel 1804. La città di Nis fu sempre un centro economico e politico cruciale, avendo una posizione strategicamente ottimale sulla strada principale per Costantinopoli dell'epoca. Quindi, liberarlo dagli usurpatori era la priorità.

Cele-kula / Skull Tower, Niš
Cele-kula / Skull Tower, Niš
Ćele Kula, Niš, Serbia

Nella primavera del 1809, il duca Stevan Sindjelic raccolse circa 4000 soldati serbi e scelse coraggiosamente il punto più sporgente per cui combattere: la collina dell'Aceto, a 6 chilometri dal centro di Nis. L'attacco si è protratto per diverse settimane per motivi politici, il che ha dato agli ottomani abbastanza tempo per ricevere rinforzi da tutti i Balcani. Tutto questo ha portato l'esercito ottomano ad attaccare per primo - all'alba nebbiosa del 31 maggio.

Picture © Credits to Wikimedia / MGA73bot2
Picture © Credits to Wikimedia / MGA73bot2

La battaglia durò per tutto il giorno, e i combattenti serbi rimasero a terra fino a tarda notte, anche se erano molto più numerosi. All'inizio, era solo una lotta con pistole, trincee e tutto ciò che segue. Tuttavia, l'esercito ottomano continuò ad avvicinarsi, fino a quando i soldati erano così fitti sulla collina, che era impossibile usare le armi da fuoco. Poi la battaglia è diventata selvaggia - i soldati serbi hanno usato coltelli, mani nude, persino denti per combattere il nemico.

Il ribaltamento

Quando il duca Sindjelic si rese conto che non c'era modo di tornare indietro, fece una mossa eroica liberando ogni soldato dal voto e lasciandoli correre per la loro vita. La loro decisione di rimanere con il leader, combattere fino all'ultimo respiro, non dovendo mai più legarsi alla schiavitù, mi fa tremare le dita mentre scrivo.

Picture © Credits to Wikimedia / Ivana Guslarevic
Picture © Credits to Wikimedia / Ivana Guslarevic

Rendendosi conto che è la fine, il Duca decise di portare con sé tutti i nemici che muore. Lasciò che l'esercito ottomano si avvicinasse senza troppi combattimenti, e poi fece saltare l'intera polveriera, portando la fine rapida e sicura della vita di 6000 soldati dell'esercito ottomano, del resto della sua truppa e di se stesso. L'esplosione ha segnato la fine della lotta ingiusta e inquieta per la libertà.

L'edificio della torre Cele-kula

Dopo aver soffocato la rivolta serba, i brutali governanti ottomani volevano vendicarsi e punire il popolo serbo per la ribellione. Il sovrano ottomano di Nis ordinò ai serbi di togliere la pelle della testa dei loro amici e riempirla di cotone per essere inviata a Costantinopoli e presentata come una realizzazione. Gli ha pagato 25 semole per farlo. Dai teschi dei soldati caduti, hanno costruito una torre - una struttura intimidatoria alta quattro metri, composta da 952 teschi in 14 file. Le teste in decomposizione erano puntate all'esterno del muro, in mostra a tutti i trasgressori della strada principale tra Nis e Costantinopoli.

Ho visto una grande torre che si erge in mezzo alla pianura, bianca come il marmo pario .... Alzando lo sguardo verso il monumento, scoprii che i muri, che avrei dovuto costruire in marmo o pietra bianca, erano costituiti da file regolari di teschi umani; questi teschi sbiancati dalla pioggia e dal sole, e cementati da un po' di sabbia e calce, formavano interamente l'arco trionfale che ora mi proteggeva dal calore del sole. In alcuni luoghi, porzioni di capelli erano ancora appese e agitate, come il lichene o il muschio, con ogni respiro di vento. - un poeta francese, Alphonse de Lamartine, dopo aver visitato Nis nei primi anni trenta del XIX secolo.

Monumento storico d'importanza nazionale

La torre del cranio infuse orrore e grande terrore nei serbi che vivevano nella zona. Legata al cristianesimo, la gente seppelliva di notte, rubava i teschi della famiglia e degli amici e li seppelliva in segreto nel cimitero. Fino alla liberazione di Nis nel 1878, la torre non era protetta sotto il cielo aperto, il che aggiunse al decadimento e all'abbassamento del numero di crani oggi presenti. Nel 1892, con donazioni da tutto il paese, la cappella fu costruita in cima alla torre, per conservarla. Oggi la torre conta solo 58 crani ed è considerata parte del museo di Nis, aperta ai visitatori ad un prezzo simbolico.

Picture © Credits to Wikimedia / J tomic m
Picture © Credits to Wikimedia / J tomic m

Una nota personale

Le emozioni che la torre cranica raccoglie in me sono difficili da esprimere. Incapacità di fare un respiro profondo, un crampo enfatico tra la mia gola e i polmoni, l'interconnessione tra i canali lacrimali, il senso di libertà, e il senso di gratitudine - e anche di orgoglio. La Cele-kula è potente. La Cele-kula è intensa.

Forse il poeta romantico francese Alphonse de Lamartine l'ha descritto meglio nel suo diario di viaggio:

La brezza di montagna, che allora soffiava fresca, penetrava nelle innumerevoli cavità dei crani e suonava come sospiri lugubri e lamentosi. I miei occhi e il mio cuore hanno salutato i resti di quegli uomini coraggiosi le cui teste tagliate hanno costituito la pietra angolare dell'indipendenza della loro patria. Che i serbi possano tenere questo monumento! Insegna sempre ai loro figli il valore dell'indipendenza di un popolo, mostrando loro il vero prezzo che i loro padri hanno dovuto pagare per questo.

So che tutto l'orrore che sta dietro a questo monumento potrebbe non concedere per un'attrazione turistica che tutti vogliono visitare. Ma se siete già a Nis, non perdetevi questo luogo unico nel suo genere, che la rivista americana "Mental Floss" ha definito come il più grande edificio fatto di ossa del mondo. Fai un respiro profondo - non sarà bello, ma sarà gratificante, facendoti chiedere dove siamo ora e come ci siamo arrivati. Cele-kula a Nis è un importante patrimonio culturale per la Serbia, ma non è forse anche per il mondo intero? Voglio dire, è stato meno di duecento anni fa che uno scenario horror del genere si è svolto in un paese abbastanza sviluppato, e la lotta per il puro diritto umano alla libertà, che oggi spesso diamo per scontato, ha portato alla costruzione di una torre inquietante fatta di teschi umani.


Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Milena Mihajlovic

Milena Mihajlovic

Io sono Milena e mi piace viaggiare, fare escursioni e tutto ciò che riguarda il caffè. Attraverso le mie storie, voglio ispirarvi a considerare la Serbia, il mio caro paese natale, per il vostro prossimo viaggio.

Altre storie di viaggio