La storia della "Francesinha" portoghese

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Se avete mai viaggiato in Portogallo, è molto probabile che durante la ricerca di alcuni suggerimenti alimentari, si legge (letteralmente in ogni menu) , o sentito parlare della loro "must-try" delicatezza locale, la Francesinha.

Per coloro che hanno già familiarità con questo piatto, vorrei chiarire che la Francesinha non è un piatto che i portoghesi mangiano tutto il giorno, e, naturalmente, non è raccomandato come abitudine quotidiana (capirete perché, continuare a leggere!).

Indicata per stati di carenza di gioia e di tempestosi postumi di sbornia, la francesinha è uno dei piatti tipici della gastronomia di Porto.

La traduzione letterale di "piccola Frenchie" ha origine negli anni '50 e '60, quando durante la dittatura portoghese milioni di portoghesi emigrarono in Francia. Molti anni dopo e quando furono rispediti a casa, influenzati dalla cultura francese, i portoghesi portarono nel cuore il croque monsieur.

Daniel David da Silva, che aveva lavorato per diversi anni in Belgio e in Francia, ha inventato la francesinha come alternativa al croque-monsieur. Si dice che lo chiamò così, a causa della sua enorme ammirazione per le donne liberali francesi, le più "piccanti" del suo tempo.

Allora, che cosa include quella famosa Francesinha?

Beh, non abbiate paura, non voglio mentire a voi, è pesante....

In poche parole si tratta di un pane tostato stratificato con carne di maiale, salsiccia affumicata, pancetta, bistecca e condito con un uovo fritto e formaggio. Sì, tutti insieme. Allo stesso tempo viene servito con patatine fritte e una salsa locale piccante di solito a base di pomodoro, birra e spezie.

Credo che la cosa più complicata sia mangiare tutta la francesinha, giusto?

Questo piatto si trova in tutto il Porto, dove è in realtà una cosa culturale, e costa più o meno 6-7 euro. Anche se non riesci a finire, beh, fidati di me, vale la pena provarlo!

Buon divertimento!


Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Chrisa Lepida

Chrisa Lepida

Mi chiamo Chrisa e vengo dalla Grecia. Come amante della natura, appassionato di sport invernali e ossessionato da Erasmus, scrivo sempre su questi argomenti.

Altre storie di viaggio