La storia del memoriale di Sighet

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Il Memoriale di Sighet è un museo situato nell'ex famosa prigione di Sighet, dove i detenuti politici furono condannati durante l'era comunista. Il museo racconta le cattive condizioni dei detenuti, gli orrori che hanno dovuto sopportare e documenta l'epoca comunista in Romania.

Sighet Memorial
Sighet Memorial
Strada Corneliu Coposu 4, Sighetu Marmației 435500, Romania

L'era comunista in Romania

Eseguiamo un po' di backup. Il regime comunista è durato in Romania tra il 1947 e il 1989. C'erano due leader: Gheorghe Gheorgiu Dej e Nicolae Ceaușescu (governatore tra il 1967 e la caduta del comunismo). Poco dopo l'instaurazione del regime comunista in Romania, le élite, che rappresentavano un pericolo per le autorità, sono state inviate alla prigione di Sighet. Personalità intellettuali, politiche e religiose sono state imprigionate a Sighet.

Carcere di Sighet

E facciamo il backup un po 'di più. La prigione di Sighet fu costruita nel 1897 dagli austro-ungarici come prigione di diritto comune. Dopo l'instaurazione del regime comunista, oltre 100 ex ministri, accademici, economisti, militari, storici, giornalisti e politici furono portati al penitenziario di Sighet nel 1950.

Le pene erano pesanti, e la maggior parte dei prigionieri non erano giudicati. Le condizioni erano pessime: non c'era il riscaldamento, quasi nessun cibo e nessuna luce. Come risultato di questa condizione, 54 del detenuto non sono sopravvissuti. Può darsi che siano stati sepolti lì nel cimitero dei poveri, non lontano dalla prigione, ma il loro luogo di residenza è ancora sconosciuto.

La cella dove Gheorghe I. Bratianu, importante storico e politico rumeno, ha trascorso i suoi ultimi giorni

Nel 1955, in seguito alla Convenzione di Ginevra e all'ammissione della Romania comunista, alcuni detenuti politici furono rilasciati e alcuni trasferiti. La prigione di Sighet torna ad essere una prigione di diritto comune.

Trasformare la prigione in un museo

La Civic Academy Foundation ha rilevato l'ex prigione nel 1993 e ha iniziato a trasformarla in museo nel 1994. Dieci anni di lavoro, svolto dal Centro per gli studi sul comunismo sono stati necessari per scoprire la vera portata della repressione. Le sale del museo sono state progettate da Ştefan Popa, dagli architetti Radu Canciovici e Ciprian Ionescu in collaborazione con altri designer e architetti. Le fondamenta, l'isolamento, il tetto e le pareti interne sono stati sottoposti a un processo di restauro.

Nel 2000, i lavori di riabilitazione sono stati completati. Ogni cella divenne una sala museale, dove venivano esposti oggetti, fotografie e documenti. La repressione, la distruzione dello Stato di diritto e la sostituzione con un sistema totalitario, come i temi principali riguardanti l'era comunista, sono esposti in ordine cronologico.

Quasi ottomila persone sono morte nelle carceri, nei campi e nei luoghi di deportazione della Romania. I loro nomi sono stati incisi nello spazio sotterraneo. Due grandi sculture di Demetrescu Camiliano, "Omaggio al prigioniero politico", sono state create per questo museo commemorativo. Tra queste, altre opere d'arte sono state donate: "Freedom we love you" di Şerbana Dragoescu, il dipinto "Resurrection" di Christian Paraschiv e la scultura in bronzo "The Black Sea" dedicata allo storico Gheorghe I. Bratianu, uno dei più importanti storici e politici rumeni.

Il memoriale di Sighet ci racconta una storia che potremmo voler dimenticare, una storia di sofferenza. È un luogo dove l'arte incontra la documentazione e dove la verità è uscita dalle mura della prigione.


Lo scrittore

Eva Poteaca

Eva Poteaca

Salve, sono Eva di Bistrița, Romania. Ho studiato storia dell'arte e amo viaggiare e scoprire gemme nascoste in tutto il mondo. Attraverso i miei scritti, condividerò con voi un altro lato della Romania.

Altre storie di viaggio