Cosa Fare A Tasiilaq in Groenlandia

6 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Tasiilaq è la città più grande della costa sud-orientale della Groenlandia e conta circa 2000 abitanti. Per noi abituati a vivere nelle grandi città, possiamo forse pensare che qui non ci sia molto, perché la città è composta solo da graziose casette di legno colorate e da un porticciolo, utilizzato dagli abitanti e dalle uniche due grandi navi che, appena la banchina di ghiaccio si scioglie e permette al mare di essere navigabile, riforniscono gli unici 2 negozi della città. Che altro c'è in città? C'è naturalmente un municipio, un ufficio postale, una chiesa, un centro turistico, un piccolo museo e un ospedale, l'unico sulla costa ed è utilizzato da tutti gli altri piccoli insediamenti intorno. A Tasiilaq è impossibile perdersi perché ci sono solo 2 strade, poche auto (credo di averne contate al massimo 20 in totale), nessun ingorgo, nessun semaforo, nessun rumore.

Tasillaq è davvero una città molto affascinante, mi piace passeggiarvi ed essere circondata dalle case di legno colorate che contrastano con i massi di iceberg galleggianti che sono naufragati nella baia. Inoltre, i suoi abitanti, nonostante tutte le difficoltà che sono costretti ad affrontare, sono sempre sorridenti e ci si sente sempre i benvenuti nella loro città.

Gli inuit dicono che la Groenlandia ha solo due giorni, uno è la notte e l'altro il giorno. Infatti, da quando sono arrivata all'inizio di luglio non ho ancora visto una sola notte. L'estate qui è solo giorno. Durante la sera il sole scende più o meno verso mezzanotte, ma non se ne va del tutto, si nasconde dietro una montagna lasciando passare comunque un po’ di luce; non scende mai la notte e il sole riappare intorno alle 2:00 illuminando di nuovo le montagne con i suoi raggi dorati.

La prima volta che ho dormito a Tasillaq non è stata molto riposante perché mi sono svegliata nel bel mezzo della notte e, il mio primo istinto, è stato quello di guardare fuori dalla finestra per vedere più o meno che ore potevano essere e vedendo già il sole alto nel cielo mi sono detta "Ohhh, è già mattina. È ora di alzarsi!", sentendomi però ancora assonnata mi sono seduta sul letto, ho preso il mio telefono e ho guardato il mio orologio che segnava solo le 3:00 del mattino.... Tuttavia, dopo essere stata a Tasiilaq per 3 settimane mi sono finalmente abituata a dormire senza mascherina o tende tirate, e quando succedeva che mi svegliavo, invece di guardare fuori prendevo direttamente il mio orologio e la maggior parte delle mi giravo dall'altra parte e mi riaddormentavo di nuovo.

Una di quelle notti in cui mi svegliavo, erano le 2:30 del mattino e curiosa ho guardato fuori dalla finestra dove ho visto che una magia si stava compiendo. Poco prima dell'alba le poche nuvole che erano nel cielo avevano preso delle sfumature rosa così belle che il paesaggio sembrava proprio un dipinto. Fu la prima volta che vidi sorgere una tale bellezza e ovviamente non riuscii a resistere, afferrai la macchina fotografica, indossai una giacca sopra il mio pigiama, un paio di scarpe e uscii a fare qualche scatto. Ero là fuori da 15 minuti circa a fare qualche fotografia sotto gli occhi increduli dei cani del vicino, quando mi resi conto che avevo lasciato le chiavi di casa nella mia camera da letto e, se qualcuno avesse chiuso la porta, sarei rimasta fuori per il resto della notte solo con indosso il pigiama. Per fortuna sono tornata indietro appena in tempo, all'ingresso del Viggo, infatti c’era l'inuit che condivideva la casa con me che stava fumando, l’ho salutato e sono potuta rientrare a casa, sdraiarmi nel mio letto caldo con un sorriso dipinto sul viso.

L'estate qui a Tasiilaq e in Groenlandia in generale, non è la classica stagione estiva come la consideriamo in Europa. Qui l’estate è un vero e proprio risveglio. Dopo aver trascorso lunghi mesi nel buio e nel freddo, si ha la sensazione che questa nuova luce rigeneri e ricarichi non solo l'uomo, ma anche la natura in cui vive. Ora è possibile tornare a lavorare, si possono riprendere tutte quelle attività che l'inverno con i suoi venti forti e le temperature glaciali impediva. Si può andare a caccia giorno e notte, i bambini giocano mentre i cani si ricaricano al sole dopo il lungo inverno. Questo è ciò che si vede quando si cammina attraverso il villaggio durante i mesi estivi. I vestiti si asciugano al sole, le pelli d’orso, i pesci e i tranci di foca sono messi a seccare, i bambini si divertono, gli anziani si aggirano e parlano; si può prendere un gelato o un caffè nel centro turistico, visitare il museo e conoscere la cultura Inuit, passeggiare in città o fare belle escursioni nelle valli groenlandesi dietro di essa, guardare gli iceberg portati nel fiordo dalle correnti, andare in barca per osservare le balene, o fare un giro in barca a vela intorno agli iceberg e ai ghiacciai, infine si può anche andare a pesca e a caccia.

Ci sono però giorni in cui arriva il vento, la nebbia o piove, in quei giorni tutto si ferma, compreso il lavoro e tutte le altre attività. Allora si resta a casa e si beve una tazza di tè o di caffè, si legge un libro, si raccontano storie, si ride e si aspetta che il tempo migliori. Non bisogna essere impazienti, o nervosi, A cosa porterebbe? Cosa possiamo fare contro la natura, contro un vento che può soffiare fino a 300 km/h? Le raffiche sono così forti che addirittura possono spostare i contenitori dei rifiuti che pesano fino a 100 kg, quindi la cosa più saggia e sicura da fare è rimanere a casa ed aspettare.

Ho assistito solo a due giorni di vero maltempo e tempesta nel mio periodo estivo a Tasiilaq, non era un vento forte come quello che ho descritto qui sopra, chiamato Piterak, che di solito arriva solo in inverno. Ho sentito un vento di 180 km/h, però, che per me è stato già abbastanza forte da vedere. Dalla casa dove vivevo, che è in collina (è l'ultima casa in cima al villaggio e dalla mia finestra potevo vedere il fiordo e la città sottostante) la sera in cui è arrivata la tempesta, ho potuto sentire il vento che fischiava attraverso il bosco e soffiare con tutte le sue forze contro i muri della casa come un'onda che si infrangeva contro uno scoglio nel mare. A volte tutta la casa tremava e mi chiedevo se saremmo volati via tutti, ma poi, guardando gli altri inquilini che sembravano così tranquilli, ho abbandonato questo pensiero, sono andata a letto e mi sono addormentata cullata dalle musiche che il vento portava con sé.

La mattina dopo il sole e la tranquillità erano di nuovo presenti e la città di Tasiilaq riprendeva pian piano il normale corso delle cose, i bambini ricominciavano a correre ovunque, i cani si riposavano, gli adulti tornavano al lavoro e i turisti, felici di non essere più rinchiusi in albergo, si organizzavano per andare a fare escursioni attraverso le meravigliose valli della Groenlandia.

Visiting Tasiilaq in Greenland
Visiting Tasiilaq in Greenland
Tasiilaq, Greenland
Icebergs Watching in Greenland
Icebergs Watching in Greenland

Lo scrittore

Lucia Gaggero

Lucia Gaggero

Mi chiamo Lucia, sono una fotografa italiana che ama raccontare e condividere storie, avventure, leggende e il grande Nord.

Altre storie di viaggio