Cantina Tvrdoš e i suoi vini premiati con l'oro e prodotti dai monaci

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Potreste aver sentito parlare del monastero di Tvrdoš come la culla dell'ortodossia nel sud dell'Erzegovina, ma questo centro spirituale ha guadagnato una fama globale grazie a qualcos'altro - la sua viticoltura rinomata. Immerso in una decorazione piuttosto scenografica dell'altura carsica lungo la riva destra del fiume Trebišnjica e circondato da vigneti e frutteti, questo monastero custodisce una tradizione secolare di vinificazione. La loro cantina ospita infatti una cantina in pietra del XV secolo e botti di rovere centenario. Non c'è da stupirsi che la cantina di Tvrdoš e i suoi vini premiati con l'oro e prodotti dai monaci abbiano un'ottima reputazione tra i sommelier. Tutto questo è stato confermato di recente quando la "Grande Riserva Vranac" delle cantine di Tvrdoš ha vinto la medaglia d'oro ai più prestigiosi Decanter 2018 World Wine Awards. Quindi, se volete saperne di più sul miglior vino che la Bosnia-Erzegovina ha da offrire, continuate a leggere.

La tradizione monastica della vinificazione, vecchia di 500 anni

Come in Francia, Italia, Spagna e in altri paesi produttori di vino, la Bosnia-Erzegovina non fa eccezione per quanto riguarda le origini della produzione vinicola. Grazie ai monaci dei monasteri, che furono i primi a fondare le aziende vitivinicole, le tecniche di coltivazione della vite e di produzione del vino si sono conservate nei secoli. Dopo la caduta dello stato serbo medievale, i monaci furono quelli che mantennero la spiritualità, ma anche la pratica della vinificazione. Non sorprende quindi che molti monasteri serbi abbiano una lunga tradizione di vinificazione, conservata fino ad oggi. Uno di questi, con la sua tradizione di 500 anni, e la più importante vinificazione monastica della Bosnia-Erzegovina, è il monastero di Tvrdoš.

Varietà autoctone - Vranac i Žilavka

Meno di due decenni fa, i monaci di questo monastero hanno ripreso la produzione di vino, che è stata messa in attesa per molto tempo. In primo luogo, hanno rivitalizzato la vite di 70 ettari di superficie a Trebinjsko Polje, dove sono state coltivate le vecchie tenute del tipo locale chiamato "Vranac". Inoltre, hanno anche ampliato la vite piantando altri 60 ettari di nuovi vigneti nella valle di Popovo Polje. Grazie al piacevole clima sub-mediterraneo e alle terre eccezionalmente fertili, questa regione offre le condizioni ideali per la produzione di vino. Oltre ai vitigni autoctoni "Vranac" e "Žilavka", vengono piantati anche altri tipi di vitigni come "Chardonnay", "Merlot" e "Cabernet". Questa inaspettata fusione di varietà è ciò che distingue i vini di Tvrdoš sul mercato. Il monastero dispone di due cantine - la cantina in pietra del XV secolo con botti di rovere centenario per "Vranac" e la nuova cantina con le ultime tecnologie tra cui il trasporto gravitazionale dei vini durante la lavorazione.

I migliori vini che la Bosnia Erzegovina ha da offrire

A meno di 20 anni dalla rivitalizzazione della viticoltura monastica nel monastero di Tvrdoš, i loro vini di alta qualità hanno ricevuto numerosi premi internazionali. Poiché l'elenco dei premi è piuttosto lungo, menzioniamo solo quello più recente, la medaglia d'oro del Decanter 2018 World Wine Awards, per la "Grand Reserve Vranac 2009". La buona notizia è che si possono anche degustare quei vini premiati con l'oro e prodotti dai monaci se si visita la cantina Tvrdoš, situata a soli 6 km dalla bella città di Trebinje. E prima di partire, sarete in grado di acquistare alcuni dei migliori vini che la Bosnia-Erzegovina ha da offrire.

Tvrdoš Monastery
Tvrdoš Monastery
Tvrdoš 89101, Bosnia and Herzegovina

Lo scrittore

Ljiljana Krejic

Ljiljana Krejic

Sono Ljiljana, della Bosnia-Erzegovina. Essendo un giornalista, non posso sfuggire a questa prospettiva quando viaggio. La mia missione è farvi esplorare l'ultima gemma ancora da scoprire in Europa.

Altre storie di viaggio