© Istock/montreehanlue
© Istock/montreehanlue

Ubon Ratchathani: templi, loti e il grande Mekong

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Ubon Ratchathani, "la città reale del loto", come si traduce il suo nome, è una tipica capitale di provincia thailandese - troppo urbana per passare per una tranquilla località di mare, troppo pastosa per qualificarsi come una moderna megalopoli. La città deve la sua prosperità e forse la sua stessa esistenza alla posizione strategica vicino al grande fiume Mekong. Le attrazioni più rinomate qui sono i templi buddisti, spesso piuttosto insoliti, e la gigantesca sfilata di candele appena prima della stagione delle piogge - di solito a maggio. Così detto, i turisti stranieri visitano raramente Ubon. La gente del posto, invece, accorre qui per le attrazioni "segrete", soprattutto naturali: una gola del fiume stranamente perforata, dune di sabbia bianca e, naturalmente, l'emblema vivente della città: i fiori di loto.

Templi di Ubon

© Istock/Mumemories
© Istock/Mumemories

Anche se siete già stati, come dicono i turisti in Thailandia, "watted out" (dalla parola thailandese "wat" - che significa s "tempio"), almeno un monastero a Ubon vale la pena di essere visto. Wat Ban Na Meuang è incentrato sul tema della chiatta reale: gli edifici qui hanno la forma delle barche cerimoniali usate per importanti eventi reali a Bangkok. La sala di preghiera principale si trova nel mezzo di uno stagno. Altri templi degni di nota sono il Wat Si Ubon Rattanaram, che ospita una preziosa immagine di Buddha scolpita in un topazio, il Wat Thung Si Muang, con una biblioteca di antiche scritture buddiste in foglie di palma, e il Wat Chaeng, famoso per il suo artigianato di intaglio della cera - è qui che vengono prodotte molte delle candele giganti scolpite per il festival.

Wat Ban Na Meuang, Ubon Ratchathani
Wat Ban Na Meuang, Ubon Ratchathani
หมู่ที่ 2 ตำบลไร่น้อย อำเภอเมืองอุบลราชธานี อุบลราชธานี 34000, Thailand

Festa delle candele

© Istock/13672071
© Istock/13672071

La ragione principale per visitare Ubon è il suo festival delle candele giganti. Enormi candele sontuosamente intagliate e adornate vengono fatte sfilare per la città su pesanti camion. Questa è la versione locale di Bung Ban Fai, il festival delle candele celebrato in tutta la Thailandia orientale e nel Laos. Questo evento si svolge a maggio, poco prima dell'inizio del monsone. Grandi razzi pieni di polvere da sparo vengono lanciati dritti verso l'alto per penetrare il cielo e far nascere le piogge stagionali, rivitalizzando il suolo. La melodia sessuale non è casuale - stiamo parlando di penetrazione, impregnazione e inizio di una nuova vita qui, dopo tutto. E sì, gli oggetti allungati usati per lo scopo sono abbastanza simbolici. A Ubon, tuttavia, è stato deciso che i razzi fatti in casa sono troppo rischiosi, e le candele li hanno sostituiti come simbolo fallico di scelta.

Artigianato di Ubon

© Istock/fordzolo
© Istock/fordzolo

Un'altra attrazione culturale unica nelle vicinanze è la fusione del gong thailandese. I gong sono usati nella musica classica tailandese e, come tutti gli strumenti musicali, devono essere prodotti a mano. Questo processo, che coinvolge il metallo caldo che scorre e un sacco di battitura con martelli di legno, può essere osservato nel villaggio Phibun Mangsahan. Se ti piace l'artigianato, la tua prossima destinazione dovrebbe essere Ban Pa Ao, un villaggio di artigiani che impiegano antichi metodi di produzione della seta. Tutto viene fatto sul posto, l'intero ciclo dalla piantagione di gelsi alla tessitura del tessuto. Qui c'è anche una tradizionale fonderia di bronzo.

Natura di Ubon

© istock/2e812ac3_768
© istock/2e812ac3_768

A causa della sua posizione accanto al grande Mekong, le attrazioni naturali di Ubon coinvolgono per lo più l'acqua in un modo o nell'altro. Un luogo particolarmente interessante è Sam Pan Bok, conosciuto come "3000 buchi". Una barriera rocciosa sulle rive del fiume, è coperta di buchi rotondi di ogni dimensione creati dalla turbolenza dell'acqua che scorre veloce. Nella stagione secca, quando il livello dell'acqua scende, le rocce perforate sono esposte. Poi c'è Hat Hong, un'altra destinazione della stagione secca: un'isola nel fiume che è sommersa durante il monsone, ma quando emerge nei mesi più secchi, sembra un pezzo di deserto arabo teletrasportato nel mezzo del Mekong: dune, dune e dune. È anche un popolare luogo di spiaggia per la gente del posto. Infine, una città che porta il nome del fiore di loto non poteva limitarsi a qualche laghetto di loto nei templi. A Ban Tha Lat, un grande serbatoio è totalmente riempito con la pianta sacra, e quando i fiori sbocciano, si trasforma in una magica terra senza terra, costituita invece da foglie verdi galleggianti e petali rossi. Passerelle di legno e gazebo sono stati costruiti per i visitatori, e vengono offerte gite in barca.

Sam Pan Bok, Ubon Ratchathani
Sam Pan Bok, Ubon Ratchathani
Q9XW+95F, Lao Ngam, Pho Sai District, Ubon Ratchathani 34340, Thailand
Hat Hong, Ubon Ratchathani
Hat Hong, Ubon Ratchathani
5PJ7+HCV, Bung Wai, Warin Chamrap District, Ubon Ratchathani 34310, Thailand

Lo scrittore

Mark Levitin

Mark Levitin

Sono Mark, un fotografo professionista di viaggi, un nomade digitale. Negli ultimi quattro anni sono stato in Indonesia; ogni anno trascorro circa sei mesi e l'altra metà dell'anno in viaggio verso l'Asia. Prima di allora, ho trascorso quattro anni in Thailandia, esplorando il paese da ogni punto di vista.

Altre storie di viaggio