Museo della tortura di Zagabria

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Spaventoso e sorprendente. Peculiare e informativo. Importante e irrilevante. Mentre siete a Zagabria e nel suo centro città, questo piccolo (per la sua superficie) museo può essere un'opzione per un'ora o due. Visita della piazza principale, delle attrazioni turistiche più visitate, delle strade affollate, ecc. Suona familiare? Sì, per molte citazioni. Beh, questo può accadere anche a Zagabria, ma poi, in un attimo si fa scorrere solo in passato. Scuro passato. Come si dice il Medioevo hanno un proprio museo in molte città, ma a Zagabria, nel Museo della tortura (Tortureum) hanno orientato la mostra verso la tortura e strumenti di tortura.

È stata una grande giornata primaverile e siamo stati al tram numero 12 di Zagabria. In qualche modo, il tram era pieno di turisti, alcuni di loro parlavano una lingua che noi (io e i miei amici) non abbiamo capito. Dopo una breve conversazione ci hanno detto che vengono dall'India e che sono molto interessati ai musei di Zagabria. "Bene, anche noi", dissi. Dopo alcune stazioni uno di loro ci ha chiesto dove si trova Via Radićeva e dove si trova e si vede il Museo della Tortura. Sono rimasto sorpreso perché non sapevo che quel museo esistesse. Ma c'è - in via Radićeva, numero 14; all'interno del triangolo tra Museo Archeologico, Museo delle Illusioni e Museo della Città di Zagabria e a pochi minuti dal divieto di Josip Jelačić Sqaure è dove si trova il Museo della Tortura.

Siamo scesi dal tram e con i nostri nuovi amici siamo andati in via Radićeva. E 'una strada colorata piena di bar dove i locali prendono il loro caffè, i turisti scattare foto, una strada piena di negozi e ristoranti.... E una "porta oscura". Abbiamo trovato il museo - era quello con il numero civico 14. È piccolo e sì, è buio. E un po 'spaventoso. D'altra parte, è un luogo dove si può conoscere l'altro lato della storia, diciamo un lato meno conosciuto. Tutte le spiegazioni sono in inglese e croato e maggiori dettagli su di esso si possono trovare dal personale del grande museo. Il pezzo più importante è una ghigliottina del 18 ° secolo all'interno di altri 70 strumenti a grandezza naturale. Oltre a questi, si può vedere una fanciulla di ferro (no, è la band che tutti conosciamo), un dispositivo di tortura medievale. Se si desidera si può sperimentare un minuto in una prigione. Tutto sommato, questa è stata ed è un'esperienza specifica ma, dopo averla visitata, vi consiglio di visitare alcuni dei bar del centro città, solo per rinfrescarvi e portare dei colori.

Permettetemi di concludere con una citazione molto bella da questo museo:

L'obiettivo del Museo è anche quello di aiutare il visitatore a rendersi conto che la nostra esistenza sempre più vulnerabile è quotidianamente sottoposta a varie forme di tortura visibili e invisibili, dal bullismo scolastico al mobbing sul posto di lavoro alla violenza domestica, al fine di rendere la tortura alla fine solo una parte della storia umana presentata in un museo.

Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Marko Radojević

Marko Radojević

Io sono Marko, 28 anni, dalla Croazia. Viaggi, lingue e natura appassionato, amante ed esploratore. Condivido della mia bella nazione.

Altre storie di viaggio