Cover Photo © Credit to Wikipedia/Apostoly
Cover Photo © Credit to Wikipedia/Apostoly

Parchi e giardini a Parigi: Albert Kahn

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

L'Albert Kahn Garden è il giardino più esotico di Boulogne-Billancourt, un sobborgo parigino. Composto da giardino all'inglese, giapponese e francese per simboleggiare la pace nel mondo, questo bellissimo posto vi incanterà con la sua diversità di paesaggi. Questo giardino è perfetto per tutti gli amanti della natura ma anche per i bambini che saranno più che felici di scoprire un lago con le carpe rosse o di fare una passeggiata nella pineta. Ma prima di venire a visitare questo luogo magico, si dovrebbe essere consapevoli che questo non è un normale parco pubblico. Il giardino Albert Kahn è un giardino da collezione, ed è assolutamente vietato fare picnic qui.

The Albert Kahn garden, Paris
The Albert Kahn garden, Paris
Albert-Kahn museum and garden county, 10 Rue du Port, 92100 Boulogne-Billancourt, France

Giardini del mondo

Albert Kahn (1860-1940) era un banchiere francese che credeva nella pace tra tutti i popoli e le nazioni della Terra. Era ben noto per la sua importante collezione di fotografie a colori realizzate su lastre di vetro e chiamata Archivio del Pianeta. Ma Kahn era anche un amante della natura. Nel 1893, decide di creare un giardino bellissimo e unico nella sua grande proprietà a Boulogne-Billancourt, un sobborgo parigino. L'ha immaginato come un luogo composto da un giardino inglese, giapponese e francese per simboleggiare la pace nel mondo. Henri e Achille Duchêne, due prestigiosi giardinieri francesi, crearono il giardino alla francese nel 1895. Il giardino giapponese aveva due case, un padiglione da tè e una pagoda che Kahn ha portato dal suo viaggio in Giappone. Nel 1990, questo giardino è stato modificato da Fumiaki Takano, paesaggista giapponese, che lo ha immaginato come un omaggio alla vita di Albert Kahn. Kahn ha anche piantato una pineta che gli ricorda i paesaggi della sua infanzia, così come la "foresta blu", un insieme di alberi dal fogliame blu. Questo giardino chiamato "I Giardini del Mondo" era il luogo d'incontro di molti artisti, filosofi, scienziati, industriali e politici famosi. Ma dopo il grande crollo del mercato azionario del 1929, Kahn fallisce e le sue proprietà, compreso il suo giardino, vengono sequestrate. Il suo giardino è stato trasformato nel 1937 in un parco pubblico dedicato alle passeggiate e alla contemplazione e nel 1968 è stato aperto il Museo Albert Kahn dedicato all'Archivio del Pianeta.

Archivio del Pianeta

Albert Kahn era un amante della natura, ma era anche l'artefice di un grande progetto fotografico, conosciuto come l'Archivio del Pianeta. Dopo il suo viaggio in Giappone nel 1909, di ritorno in Francia, decide di iniziare a raccogliere le fotografie di tutto il mondo. La sua idea era quella di inviare giovani fotografi in tutto il mondo per realizzare immagini da ogni continente. Per questo progetto sono state utilizzate le più moderne attrezzature dell'epoca, le lastre autocromatiche. Dal 1909 al 1931, l'Archivio del Pianeta ha raccolto 72 000 fotografie a colori realizzate in più di 50 paesi. Anche se il Museo Albert Kahn è chiuso per lavori di ristrutturazione dal 2014, potete comunque controllare questa collezione storica unica nel suo genere sul sito web del museo.

Informazioni pratiche

Il giardino Albert Kahn, il giardino più esotico di Parigi, è attualmente chiuso sia per il pubblico che per il museo. Il giardino sarà riaperto nel settembre 2019, ma fino ad allora, è ancora possibile visitare questo incredibile giardino. Anche se l'accesso libero non è consentito, le visite guidate sono organizzate molto spesso. Il prezzo d'ingresso è di 3 euro.


Lo scrittore

Sladjana Perkovic

Sladjana Perkovic

Ciao, mi chiamo Sladjana, giornalista e scrittrice che vive a Parigi, in Francia. Scrivo di luoghi francesi ben nascosti, gastronomia ed eventi culturali.

Altre storie di viaggio