© wikipedia.org / JacDys
© wikipedia.org / JacDys

L'eredità del poeta Taras Shevchenko in Mangystau

4 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Fort Shevchenko è una città sulla penisola di Mangyshlak nella regione del Mangystau del Kazakistan occidentale. La città risale al 1846 come fortificazione militare. Questa città aveva vari nomi, come Fort Alexander, Fort Uritsky e, nel 1939, ricevette il nome "definitivo" di Fort Shevchenko. Se sei un amante della storia o un appassionato di musei, allora ti consiglio di visitare questa città e scoprire l'eredità del famoso poeta Taras Shevchenko.

Chi era Taras Shevchenko?

La città porta il nome del poeta e artista ucraino Taras Shevchenko. La gente lo trovava una persona ispiratrice e coraggiosa per la sua poesia che raccontava la brutale verità sul regime imperiale dello zar e per aver esortato la gente a lottare per la libertà di parola. Ma, un tale segno di coraggio non è stato ben accolto dallo Stato - è stato mandato in esilio nell'ovest del Kazakistan, nella penisola di Mangystau. Per ordine dello zar, a Taras Shevchenko era proibito scrivere e disegnare quadri, cose per cui viveva. Ma la vita gli è stata dolce per lui, perché in esilio si è messo in contatto con la gente amichevole in terra kazaka, che lo ha aiutato a perseguire le sue aspirazioni artistiche.

© it-shevchenko / itsh2014
© it-shevchenko / itsh2014

Con l'aiuto della gente del posto, è stato nominato membro di diverse spedizioni scientifiche in tutto il Kazakistan occidentale, dove ha avuto la possibilità di scrivere e disegnare. Taras Shevchenko ha vissuto 47 anni, 10 dei quali ha trascorso in esilio a Mangystau. Per tutto il suo tempo in terra kazaka, Taras riuscì a dipingere 356 dipinti, tra cui schizzi dedicati alla regione, alla natura e al popolo kazako che incontrò durante le sue spedizioni. In definitiva, per il suo contributo allo sviluppo dell'arte e della cultura della zona, i locali decisero di onorare la sua eredità e di chiamare la città con il suo nome.

L'eredità di Taras

Per saperne di più su Taras e sulle persone che lo hanno confortato e ispirato, è meglio visitare il complesso museale, situato nel parco. Potete iniziare la vostra visita con il Museo Etnografico Mangystau, che si trova proprio accanto al parco. Qui è possibile conoscere la storia, le tradizioni e la vita quotidiana della popolazione locale. All'uscita, si entra nel parco, dove inizia la storia del Museo Taras Shevchenko. In passato, c'era solo un piccolo giardino che alla fine è stato ampliato in un parco grazie a Taras Schevchenko, che era, infatti, un vero e proprio eroe della zona. Gli alberi piantati dal poeta accolgono ancora oggi gli ospiti. Lì, vedrete un cottage dove il poeta ha vissuto e creato le sue opere sotto il vento ululato di Mangystau. Nel parco si trova anche un monumento dedicato al poeta. C'è anche un pozzo, che egli stesso ha scavato, e durante la siccità ha salvato molte persone dalla sete.

© silkadv / Alexander Petrov
© silkadv / Alexander Petrov

Il Museo Taras Shevchenko

Il museo è pieno di mostre, oggetti e opere del poeta e artista Taras Shevchenko. Il museo ha un sacco di cose che appartengono alla cultura ucraina. Gli amici del poeta hanno raccolto tutte le cose presentate, e successivamente il personale del museo ha continuato a farlo. L'edificio è composto da diverse stanze. La prima sala è dedicata ai suoi primi lavori, mentre la seconda mostra i suoi schizzi e i disegni delle numerose spedizioni che ha avuto in Kazakistan.

© silkadv / Alexander Petrov
© silkadv / Alexander Petrov

Cosa fare nella zona

Il Museo di Taras Svechenko si trova nel parco che porta il suo nome. Se avete una passeggiata all'esterno del museo a 500 metri di distanza, troverete il monumento agli eroi di guerra chiamato "Isa-Dosan". E' dedicato agli eroi e alle vittime della repressione che sono morti nella rivolta contro il regime zarista. Questo monumento è visibile da qualsiasi punto della città. Appena si arriva sulla collina, dove si trova, si ha una vista sorprendente del museo, della città e persino del mare.

© lada.kz / Unknown
© lada.kz / Unknown

Continuate a camminare per altri 600 metri e vedrete una bella cappella armena. La cappella fu costruita nel 1893 da commercianti armeni che avevano una vita commerciale attiva in questa zona. La cappella è chiusa e non funziona più. Tuttavia, una struttura di questo tipo potrebbe attirare l'attenzione di coloro che si occupano di architettura.

© livejournal / rus_turk
© livejournal / rus_turk

Come raggiungere la città di Fort Shevchenko

La strada da Aktau a Fort Shevchenko è lunga 125 chilometri. Sulla strada per la città, vedrete terre infinite, così come le carovane di cammelli, che sono popolarmente chiamate "navi del deserto". I cammelli sono i veri proprietari del deserto, ed è un'esperienza indimenticabile vederli in libertà. Anche la strada per la città è un'occasione per visitare la città, in modo da poter godere di bellezze naturali mentre si scopre l'eredità del poeta Taras Schevchenko nel Kazakistan occidentale.

 © tumba.kz / unknown
© tumba.kz / unknown
Fort Shevchenko, West Kazakhstan
Fort Shevchenko, West Kazakhstan

Lo scrittore

Nazerke Makhanova

Nazerke Makhanova

Ciao, sono Nazerke dal Kazakistan. Ho viaggiato in 15 paesi, ho vissuto in Malesia e in Spagna, attualmente mi trovo nella mia città natale, Nur-Sultan, e mi piacerebbe accompagnarvi in un viaggio avventuroso attraverso il Kazakistan. Siete pronti? Andiamo!

Altre storie di viaggio