I Misteri dei Bagni Turchi Tradizionali

1 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Un bagno turco o un hamam è simile a una sauna scandinava, ma è più vicino a un bagno romano. Si basa sugli stessi principi del bagno di vapore, ma l'attenzione è focalizzata sull'acqua piuttosto che sul vapore. In Turchia l'hamam è una camera riscaldata delicatamente e piastrellata con una lastra di marmo riscaldata chiamata göbek taşı (pietra della pancia). I visitatori giacciono sulla lastra di pietra e vengono strofinati per l'esfoliazione, poi massaggiati con oli e infine lavati con acqua calda. Ma la voce è che, nel giorno in cui i bagni sono stati utilizzati per tanti altri scopi che non solo ottenere un lavaggio.

Per secoli Hamam's è stato utilizzato per cerimonie nuziali, ma queste cerimonie nuziali hanno avuto altri scopi, come le mamme la scelta delle ragazze meritevoli di laurea per i loro figli. Durante i tempi dell'Impero Ottomano, i matrimoni combinati facevano parte della società e le ragazze non avevano solitamente la possibilità di scegliere il marito. In queste cerimonie nuziali o anche nei bagni domenicali regolari, le madri avrebbero avuto la possibilità di vedere le ragazze ballare e deciderebbero della loro futura figlia-in-legge. Si dice che, le ragazze con fianchi più larghi e pance più piene avrebbe attirato più attenzione, come si è pensato di simboleggiare la fertilità.

Nella storia molte donne hanno descritto l'esperienza del bagno turco come un rituale, più che come una semplice pulizia fisica. Hanno detto che possono vedere il passato e il futuro quando fanno il bagno con donne di tutte le età. Da secoli l'hamam è un luogo di socializzazione e non di pulizia per le donne mediorientali.


Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Idil Birben

Idil Birben

Sono Idil di Istanbul, Turchia, e attualmente vivo a Londra. Scrivo delle mie esperienze personali in questi paesi.

Altre storie di viaggio