©istock/ Casper1774Studio
©istock/ Casper1774Studio

Grotte di Ajanta in Maharashtra: L'arte rupestre indiana al suo meglio

6 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

L'arte rupestre indiana vanta una ricca eredità che risale a migliaia di anni fa. E i portabandiera di quell'eredità sono le Grotte di Ajanta nel Maharashtra. Circa 102 km a nord-est della città storica di Aurangabad, la catena indiadri dei Ghats occidentali ospita le Grotte di Ajanta in una ripida gola vicino al fiume Waghur. Nelle Grotte di Ajanta, c'è una collezione di 30 grotte buddiste che sono state costruite tra il II secolo a.C. e il VI secolo d.C.! Le grotte sono ornate da notevoli murales e sculture che testimoniano l'incredibile brillantezza dell'antico artigianato indiano. Non c'è da stupirsi se le Grotte di Ajanta sono state dichiarate patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.

La storia delle Grotte di Ajanta

© istock/ePhotocorp
© istock/ePhotocorp

La costruzione delle Grotte di Ajanta fu possibile grazie al mecenatismo di due dinastie, i Satavahanas e i Vakatakas. Le 30 grotte che si vedono oggi non sono state costruite insieme. Alcuni sono stati costruiti durante il primo periodo Satavahana e altri durante il successivo periodo Vakataka, e questo è abbastanza evidente negli stili di costruzione delle rispettive grotte.

© istock/ naveen0301
© istock/ naveen0301

Le grotte che sono nate per la prima volta sono state quelle numerate 9, 10, 12, 13 e 15A. Si ritiene che questo gruppo di grotte sia stato costruito tra il 200 a.C. e il 100 d.C. Queste grotte mostrano segni del massiccio impatto della setta Hinayana del buddismo che era prevalente durante il periodo Satavahana. La setta Hinayana non adorava Buddha nel modo in cui il culto è stato eseguito nell'induismo. Così, le grotte di questo periodo precedente erano a base di stupa (stupa - un edificio a forma di cupola costruito come un santuario buddista) e privo di dipinti o sculture di Buddha. Mentre le grotte 9 e 10 sono stupa con sale di culto, le caverne 12, 13 e 15A sono viharas (monasteri).

© Wikimedia Commons/ Dey.sandip
© Wikimedia Commons/ Dey.sandip

La maggior parte delle grotte, 1-8, 11 e 14-29, sono state costruite durante il periodo di Vakataka sotto il patrocinio dell'imperatore Harishena tra il 400 e il 500 d.C. Da allora, la setta Mahayana del buddismo che adorava il Buddha come un Dio era ormai entrata in voga. Così, le grotte di questo periodo hanno la vita e i racconti di Buddha scolpiti e dipinti sulle pareti a scopo di culto. E le meravigliose sculture e i dipinti sono stati creati con il tipo di risorse minime che probabilmente riempirebbero anche gli artisti di oggi di uguale quantità di shock e stupore! Tutte le grotte del periodo Vakataka sono viharas ad eccezione delle grotte 19, 26 e 29, che sono chaitya grihas (sale di preghiera).

L'arte e l'architettura delle grotte di Ajanta

© Wikipedia/ C. SHELARE
© Wikipedia/ C. SHELARE

Ogni grotta delle Grotte di Ajanta è una gemma archeologica che mette in mostra l'arte indiana al suo meglio. Mentre le grotte e le sculture in esse contenute sono state realizzate con il minimo indispensabile di martelli e scalpelli, i murales sono stati realizzati con elementi completamente naturali come coloranti vegetali, succo di lime, sterco di mucca, lolla di riso, tuorlo d'uovo, ecc. Basta uno sguardo all'opera straordinaria per rendersi conto delle vertiginose altezze che l'arte religiosa buddista aveva raggiunto nell'antica India. Io, come indiano, sono certamente orgoglioso.

© istock/ IVANVIEITO
© istock/ IVANVIEITO

Per comprendere appieno la portata dell'arte e dell'architettura delle Grotte di Ajanta, suggerisco di assumere una guida prima di entrare in queste particolari grotte. Le guide sono facilmente reperibili all'esterno di ciascuna di queste grotte e spiegheranno in dettaglio il significato di ogni elemento di design. In alternativa, è possibile acquistare una guida presso l'ufficio dell'Indagine Archeologica dell'India (ASI) all'ingresso del complesso di grotte, e sarà ugualmente utile. Mentre l'intero complesso è affascinante, permettetemi di evidenziare alcune grotte speciali e tutto ciò che è al loro interno.

Grotta 1

© istock/ KuntalSaha
© istock/ KuntalSaha

La Grotta 1 è naturalmente la prima grotta che esplorerete ed è un tesoro di murales vibranti! La grotta tentacolare ha una grande facciata, saccheggiato anticamere, e ornate intagli e sculture in rilievo che adornano ogni sua superficie. Cercate le enormi statue dei due Bodhisattva (una persona in cammino per diventare buddista e raggiungere l'illuminazione), Vajrapani e Padmapani, in piedi all'ingresso del santuario. Tutti i dipinti di questa grotta illustrano le storie della rinascita del Buddha, come descritto nei Jataka Tales (un corpo indigeno della letteratura buddista del IV secolo a.C., che descrive le precedenti nascite del Buddha), e vi lasceranno incantati dalla loro complessità. Da notare in particolare il bellissimo dipinto del Bodhisattva Padmapani.

Grotta 2 e grotta 6

© Wikimedia Commons/ Photo Dharma
© Wikimedia Commons/ Photo Dharma

Il punto culminante di Cave 2 è il soffitto, che è impreziosito da disegni astratti di flora e fauna e da un'illustrazione significativa del notevole ruolo delle donne nella società di allora. Troverete diverse sculture dedicate a Hariti, la dea buddista della fertilità. Questa grotta ospita anche alcuni fenomenali affreschi che raffigurano il sistema educativo del V secolo d.C. I dipinti della porta sono una caratteristica delle Grotte di Ajanta, e la Grotta 6 è il suo esempio migliore. Anche se la costruzione della Grotta 6 non è mai stata completata, e la grotta a due piani merita la vostra attenzione per la miriade di dipinti che descrivono in dettaglio i vari eventi della vita del Buddha.

Grotta 16 & Grotta 17

© Wikipedia/ Woudloper
© Wikipedia/ Woudloper

Le grotte 16 e 17 furono commissionate da Varahadeva, il primo ministro di Vakataka, l'imperatore Harishena. La Grotta 16 è una cornucopia di dipinti che vi affascinerà. Oltre alle illustrazioni degli eventi dei Jataka Tales, ci sono accattivanti affreschi che raccontano vari eventi mitologici. La Grotta 17 si distingue per avere forse lo stile più all'avanguardia dell'architettura vihara nelle Grotte di Ajanta. Questa grotta è anche cardinale nel contesto storico per i 30 significativi murales che raccontano gli avvenimenti della società del primo millennio.

Come e quando visitare le Grotte di Ajanta

© istock/ undefined undefined
© istock/ undefined undefined

Le Grotte di Ajanta sono facilmente raggiungibili da Aurangabad, che dista quattro ore di macchina. È meglio noleggiare un'auto che vi lascerà e vi verrà a prendere di nuovo dal sito della grotta. Da lì, gli autobus vi condurranno fino alle grotte attraverso strade tortuose che costeggiano la catena dell'Indhyadri. La vista sul fiume Waghur, circondato da giungle, durante il viaggio in autobus è un bonus. Le Grotte di Ajanta rimangono aperte dalle 9.00 alle 17.30 in tutti i giorni della settimana, tranne il lunedì.

© istock/ Gaurav Kadam
© istock/ Gaurav Kadam

Non visitate le Grotte di Ajanta durante i mesi estivi da aprile a giugno, poiché diventano estremamente calde. Mentre molte persone pensano che il periodo da ottobre a marzo sia ideale per visitare le grotte a causa del tempo comodamente moderato, vi suggerisco di visitare il luogo durante i monsoni. Le Grotte di Ajanta scatenano la loro vera bellezza in questo periodo. La regione riceve forti precipitazioni da luglio a settembre e le montagne si animano in tutto il loro verde. È solo durante la stagione dei monsoni che incontrerete diverse belle cascate lungo il vostro percorso intorno al complesso di grotte.

Trascorrere una giornata magica alle Grotte di Ajanta

Se siete interessati alla storia e al patrimonio, non c'è posto migliore delle Grotte di Ajanta per voi. Nella Bhagavad Gita, il testo sacro indù, Lord Krishna ha detto: "Ciò che la tua mente può pensare è possibile e può essere fatto dall'uomo". Le Grotte di Ajanta dimostrano che attraverso la loro esistenza. Le Grotte di Ajanta nel Maharashtra sono la patria del meglio di ciò che l'arte rupestre indiana ha da offrire. Un viaggio qui sarà un'esperienza di una vita!


Lo scrittore

Hitaishi Majumder

Hitaishi Majumder

Ehi, sono Hitaishi, un editore con sede a Kolkata, in India, e sono qui per presentarvi diverse parti del mio incredibile paese attraverso le mie storie di viaggio sulla gastronomia, la cultura, la storia e molto altro ancora!

Altre storie di viaggio