Santo Ejmiadzin: il luogo dove discese l'Unigenito

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Ejmiadzin (Etchmiadzin) si trova a circa 18 km di distanza dalla capitale Erevan. È la quarta città più grande dell'Armenia. Questo luogo è famoso perché qui si trovano la Cattedrale di Ejmiadzin, la Madre Sede della Santa Ejmiadzin e altre antiche chiese. La traduzione del nome è "il luogo dove l'Unigenito discese". Essendo il centro della Chiesa Apostolica Armena la città è visitata da molti turisti. E' piena, soprattutto in occasione delle festività religiose.

Madre Sede del Santo Ejmiadzin

Secondo gli studiosi, la sede madre della Santa Etchmiadzin fu la prima cattedrale costruita nell'antica Armenia tra il 301 e il 303 d.C.. Nel 2000 la Cattedrale è stata inserita nella lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO. Vicino alla chiesa si trovano le tombe di tutte le precedenti Catholicoses armene (capo della Chiesa Apostolica Armena). Nei giorni festivi religiosi qui non sono solo i turisti ei cittadini di Armenia, ma anche i rappresentanti del governo a ricevere una benedizione da Catholicos e di partecipare a un pasticcio.

Mother See of Holy Etchmiadzin
Mother See of Holy Etchmiadzin
Vagarshapat, Vagharshapat, Armenia

crediti a ruzanna

Lo storico armeno del V secolo Agathangelos racconta che il giovane e bellissimo Hripsime, che era una suora cristiana a Roma, fu costretto a sposarsi con l'imperatore romano Diocleziano. Lei e la badessa Gayane, tra le altre monache, fuggirono dall'imperatore tiranno e si recarono in Armenia. Il re pagano armeno Trdat ricevette da Diocleziano una lettera in cui descriveva la sua bellezza. Trdat riuscì a scoprire dove si nascondevano le suore e si innamorò di Hripsime e più tardi di Gayane. Dopo il suo rifiuto, Hripsime fu torturata e martirizzata nel luogo in cui si trova la chiesa di Santa Hripsime. Gayane fu torturata e martirizzata in un altro luogo dove la chiesa a lei intitolata fu costruita più tardi, nel 630. I rimanenti gruppi di trentotto suore furono martirizzati nel luogo in cui sorge la chiesa di Shoghakat. Tutte queste chiese si trovano a Ejmiadzin.

Chiesa di Sant'Efisio

La chiesa è stata costruita in cima al mausoleo originale che è stato costruito dal Catholicos Sahak il Grande nel 395 dC. La chiesa è dedicata a Sant'Efisio. È considerato patrimonio mondiale dell'UNESCO. L'intera costruzione fu completata nel 618 d.C.. Come accennato sopra, prende il nome da sant'Efisio che fu martirizzato durante la conversione dell'Armenia al cristianesimo nel 301 d.C.. La chiesa è molto bella e impressionante.

Saint Hripsime Church
Saint Hripsime Church
85 Mesrop Mashtots Street, Vagharshapat, Armenië

crediti a hevchenkoAndrey

Santa Gayana Chuch

Saint Gayane è un'altra bella chiesa costruita nel 7 ° secolo. La chiesa è stata costruita dal Catholicos Ezra I. Questa chiesa è anche nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO dal 2000. È costruito in tipico stile armeno come tutte le altre chiese. La zona circostante è tranquilla e piacevole.

Saint Gayane Church
Saint Gayane Church
Gosh, Armenië

crediti a Denis Kabanov

Chiesa di Santo Shoghakat

La chiesa di San Shoghakat è stata costruita nel 1694 al posto di una vecchia chiesa del VI secolo che non è sopravvissuta fino ai nostri giorni. Questa chiesa è anche nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO. E 'nel luogo dove il gruppo di suore sconosciute martirizzato durante il periodo della conversione dell'Armenia al cristianesimo nell'anno 301 dC. Il nome tradotto significa "goccia di luce" a causa del raggio di luce che scendeva dal cielo sui martiri di Hripsimé.

Saint Shoghakat Church
Saint Shoghakat Church
Petrozavodsk, Vagharshapat, Armenia

Il Santo Ejmiadzin, il luogo dove gli Unici Iniziati discendevano, è un luogo da non perdere in Armenia. Sulla strada si può anche fermare presso la cattedrale di Zvartnots, che è un altro sito molto amato dai viaggiatori.


Lo scrittore

Lusine Vardanyan

Lusine Vardanyan

II'm Lusine, dall'Armenia. Mi piace viaggiare ed esplorare nuovi posti. Mi interessano l'arte, la cultura, la musica e lo sport. Su itinari vi mostrerò l'Armenia come la vedo io.

Altre storie di viaggio