© istock/Dmitry Bezrukov
© istock/Dmitry Bezrukov

La lotta di Mosca: come la capitale russa resiste a COVID-19

4 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Mosca ha affrontato la crisi del coronavirus un po' più tardi di altre città europee. Tuttavia, fin dall'inizio dell'epidemia globale, il nostro governo l'ha presa sul serio. La Russia ha chiuso il suo confine con la Cina, lungo 4200 chilometri, già alla fine di gennaio, per evitare che il virus si diffondesse nel nostro vasto Paese. Quando l'Italia è stata fortemente colpita dall'epidemia di Covid-19, non abbiamo esitato ad aiutarla già nei primi giorni, inviando medici e materiale sanitario. Con il tempo la situazione si è progressivamente evoluta e il virus è arrivato anche a Mosca. Tuttavia, grazie all'autoisolamento ben organizzato e ad altre misure precauzionali messe in atto, il numero di casi mortali a Mosca è di gran lunga inferiore a quello della maggior parte delle città europee. La capitale russa sembra resistere bene a COVID-19. Una lotta consolidata di Mosca aiuta ad evitare i picchi di carico per gli ospedali e il personale medico, e preserva la salute delle persone.

Come è iniziato

© istock/Yury Karamanenko
© istock/Yury Karamanenko

Le informazioni sul COVID-19 hanno iniziato a diffondersi nei media a gennaio. Si trattava di Wuhan, e del rigido regime di quarantena che questa città in Cina ha lanciato. La gente che vive a Mosca era piuttosto scettica su tutta la faccenda, perché allora tutti pensavano che fosse qualcosa che si trovava molto lontano - la quarantena è iniziata, il virus è stato localizzato, e presto tutto sarebbe andato bene. Era qualcosa di curioso da osservare, ma quasi nessuno pensava che fosse una vera delizia, anche tenendo conto del fatto che la Russia ha un enorme confine di terra con la Cina. Nel frattempo, le notizie in tempo reale sulle navi in quarantena in diverse parti del mondo sono state lette da molti come una sceneggiatura di un film hollywoodiano. La gente faceva ancora le vacanze in diversi paesi, compresi quelli asiatici, perché non voleva perdere i soldi pagati per i biglietti aerei e gli alberghi.

C'è stato un campanello d'allarme a febbraio, quando improvvisamente l'Italia ha iniziato a soffrire di questa nuova infezione da coronavirus. È stato abbastanza inquietante perché l'Italia è molto più vicina a Mosca ed è spesso visitata dai turisti russi. La gente ha iniziato a pensare al COVID-19 come a una seria minaccia di cui anche loro possono soffrire, eppure molti erano ancora scettici, affermando che si tratta solo di un altro ronzio mediatico, e che questa infezione è solo stagionale, come altre malattie respiratorie, per esempio l'influenza.

Tuttavia, alcune azioni sono già state intraprese. Ad esempio, negli uffici erano comparsi dei disinfettanti. Inoltre, poiché la misurazione della temperatura sembrava essere il mezzo principale per identificare facilmente la contaminazione COVID-19, si è deciso di misurare la temperatura nella metropolitana di Mosca in modo selettivo.

Epidemia pandemica

© istock/Ivan Novikov-Dvinsky
© istock/Ivan Novikov-Dvinsky

Le cosiddette "festività di genere" (23 febbraio e 8 marzo, noti rispettivamente come "Giornata degli uomini" e "Giornata delle donne") in Russia erano semplicemente normali. A Mosca, allora, c'era bel tempo e molti hanno iniziato a camminare per la città, passando il tempo nei caffè, vivendo una vita normale. Improvvisamente, l'11 marzo è diventato il giorno in cui è stata annunciata la pandemia, quindi è stato un punto di partenza per tutte le misure adottate in seguito.

Le aziende hanno iniziato a chiedere ai loro dipendenti di lavorare a distanza, almeno a quelli che erano in grado di farlo. Non tutte le aziende erano pronte per un tale passo, a seconda delle specifiche, delle ragioni di sicurezza e così via. Di conseguenza, il risultato è stato che anche dopo l'annuncio dell'OMS dello scoppio della pandemia, molte persone dovevano ancora lavorare in ufficio. Inoltre, le persone che erano appena tornate da altri paesi diversi dalla Russia hanno dovuto passare due settimane in quarantena a casa, insieme ai loro familiari o compagni di stanza, il che significava un potenziale periodo di incubazione. Anche gli anziani che costituiscono un gruppo a rischio molto sensibile sono stati invitati a rimanere a casa. Coloro che vivono da soli dovevano essere aiutati da volontari.

Il 25 marzo, per evitare ulteriori contaminazioni, è stato annunciato che la settimana a partire dal 30 marzo e fino al 5 aprile sarà una settimana di riposo. Ciò significava che tutti i luoghi pubblici, come centri commerciali, parchi, mercati, ecc. dovevano essere chiusi, e solo quelli essenziali (farmacie, negozi di alimentari) dovevano rimanere aperti. Nel frattempo, i ristoranti hanno deciso di mantenere aperti i loro esercizi commerciali - tramite i servizi di consegna. Alcuni di quelli più importanti funzionano a Mosca, e, sebbene il carico di lavoro sia piuttosto alto, se la cavano piuttosto bene, quasi non fanno tardi a consegnare la roba agli acquirenti.

Cosa succede ora

© istock/Yury Karamanenko
© istock/Yury Karamanenko

Come in molti altri paesi, la pandemia COVID-19 in Russia ha avuto il suo pedaggio, e il numero dei contagiati ha iniziato a crescere. Molti di loro sono di Mosca perché è una megapoli con un'alta densità di popolazione. La situazione è però sotto controllo, grazie al periodo di autoisolamento seguito da molte persone. Le misure riguardanti la chiusura di tutti i luoghi pubblici sono state prorogate fino alla fine di aprile. È consentito visitare il negozio di alimentari più vicino, una farmacia o un negozio di telefonia (la comunicazione è considerata ormai indispensabile). Se qualcuno deve ancora andare al lavoro, dovrebbe essere rilasciato uno speciale pass elettronico via internet. Inoltre, è necessario quando una persona deve utilizzare i mezzi di trasporto pubblico, come la metropolitana, l'autobus o il taxi.

Dopo un periodo di dubbi, tristezza e scarsa familiarità con un tale modo di vivere, la gente ha iniziato a dare valore al proprio tempo, a guardare la propria figura, a fare il proprio hobby e a risparmiare cucinando a casa. Il tempo a Mosca è tutt'altro che estivo, a volte nevica e fuori c'è persino la grandine. Per molti, quindi, questo è un buon motivo per non uscire di casa. La cosa positiva è che in città passano molte meno auto, così l'aria e l'acqua sono diventate più pulite, e, in effetti, molti uccelli hanno iniziato a radunarsi vicino agli stagni. È il momento in cui tutti sentono che maggio sta arrivando, e, anche se quest'anno non ci sarà la parata del Giorno della Vittoria a Mosca, la gente capisce che le misure adottate contribuiranno a salvare vite umane.

© istock/Dmitry Bezrukov
© istock/Dmitry Bezrukov

Una delle cose più imbarazzanti ora è che luoghi come la Piazza Rossa con la Cattedrale di San Basilio, la via Nikolskaya o il parco Tsaritsyno sono insolitamente vuoti. Rimanere a casa e pensare positivo aiuterà la Russia non solo a continuare a resistere a COVID-19 ma anche a superare tutte le difficoltà che Mosca e altre città stanno affrontando in questa lotta contro il virus. Presto sarà di nuovo possibile fotografare la città da una barca, vedere Mosca da una prospettiva a volo d'uccello e godersi una passeggiata nel quartiere creativo di Arma, o nei viali di Mosca. Non è per sempre!

Saint Basil's Cathedral, Moscow
Saint Basil's Cathedral, Moscow
Nikolskaya Street, Moscow
Nikolskaya Street, Moscow
Nikolskaya St, Moskva, Russia, 109012
Tsaritsyno Park and Museum, Moscow
Tsaritsyno Park and Museum, Moscow
Museum-Reserve Tsaritsyno, Dolskaya St., 1, Moscow, Russia, 115569

Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Maria Selezneva

Maria Selezneva

Ciao, io sono Maria, o Masha, come mi chiamano i russofoni. Sono la vostra guida locale per i luoghi da non perdere e anche per i luoghi fuori dai sentieri battuti di Mosca e San Pietroburgo. Vi mostrerò le mie destinazioni preferite in entrambe le città, dove potrete sentire il vero spirito delle tradizioni locali.

Altre storie di viaggio