© Flickr/ zug55
© Flickr/ zug55

COVID-19 a Bucaramanga, la bella città della Colombia

5 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Vivendo a Santander, posso dirvi che già a dicembre la gente non avrebbe potuto immaginare che quello su cui scherzavamo avrebbe presto messo in pausa Bucaramanga e la Colombia, insieme a parte della nostra vita. Tutti pensavano che il COVID-19 fosse solo un virus che colpisce la Cina e le terre lontane: non avrebbe mai raggiunto il nostro bel Paese. Ma ci sbagliavamo tutti.

© istock/Angel Soto
© istock/Angel Soto

In materia di popolazione, Bucaramanga si colloca all'11° posto, tra le altre città colombiane. Non si trovano così tanti turisti come in città come Cartagena, Bogotá o Medellín. Di conseguenza, siamo già in qualche modo abituati a strade più lente e, non vuote, ma meno affollate.

© Michelle Jiménez
© Michelle Jiménez

L'inizio del blocco

Il primo caso di COVID-19 è stato confermato in Colombia il 6 marzo. A metà del mese, i casi confermati sono saliti a 50, ed è stato allora che il presidente ha deciso di sospendere tutte le classi nelle scuole e nelle università pubbliche e private. Una settimana dopo, il numero di casi è triplicato e il presidente ha decretato lo stato di quarantena nazionale. Con poche eccezioni, tutti dovevano rimanere a casa per le due settimane successive. La quarantena è stata poi prolungata e continua ad estendersi da quando...

© Floridablanca City Hall / bluradio
© Floridablanca City Hall / bluradio

All'epoca, nel dipartimento di Santander, dove si trova Bucaramanga, c'erano solo cinque casi confermati: fino ad oggi, ci sono 33 casi confermati, 22 dei quali sono stati recuperati. Circa un terzo dei 6.000 casi di COVID-19 nel Paese si trova a Bogotá, la capitale della Colombia.

Lo sfondo della città e la situazione attuale

Qui a Bucaramanga, "la bella città" della Colombia, il ritmo della vita potrebbe essere cambiato. Ma il cuore e l'anima della città rimangono gli stessi. La città è ancora splendida, anche in isolamento. Bucaramanga è conosciuta come "la città dei parchi" per i suoi numerosi parchi urbani, come il Parque San Pío e il Parque de las Palmas nel quartiere di Cabecera e il Parque García Rovira. Sono tutti luoghi in cui molte persone si riunivano per rilassarsi, bere un caffè, uscire prima di andare per club: sono i luoghi in cui noi, gli abitanti del posto, ci perdiamo tanto tempo e non vediamo l'ora che riaprano.

© istock/Johan Rey
© istock/Johan Rey
Parque San Pío, Bucaramanga
Parque San Pío, Bucaramanga
Parque San Pío, Cra. 33 #45, Bucaramanga, Santander, Colombia
Parque de las Palmas, Bucaramanga
Parque de las Palmas, Bucaramanga
Parque Las Palmas, Cra. 29 #44-14, Bucaramanga, Santander, Colombia
Parque García Rovira, Bucaramanga
Parque García Rovira, Bucaramanga
Parque García Rovira, Carrera 11 Calle 35, Bucaramanga, Santander, Colombia

Misure ed esercizio fisico

I ristoranti, i supermercati e i piccoli negozi di alimentari non hanno mai chiuso, poiché per tutto questo tempo hanno offerto servizi di consegna. La gente ha ancora il permesso di uscire per portare a spasso i propri animali domestici per l'isolato, e anche di andare in banca o a comprare cibo. Le persone possono andare in banca o a fare la spesa solo una volta alla settimana, a seconda delle ultime due cifre del loro numero identificativo.

A partire dal 27 aprile a Bucaramanga e in altre città della Colombia, è permesso uscire per fare esercizio fisico tra le 5:00 e le 8:00 del mattino, in un rapporto di un chilometro intorno a casa, solo per camminare, fare jogging, correre e andare in bicicletta. Inoltre, alcune attività commerciali, come i lavori di costruzione, le fabbriche di calzature e i saloni di bellezza, tra le altre, hanno potuto riprendere a funzionare, naturalmente, con l'applicazione delle norme sanitarie e dei permessi speciali del governo.

© Michelle Jiménez
© Michelle Jiménez

L'impatto di COVID-19 sull'economia del paese e sui poveri

Le cose non sono sempre facili a Bucaramanga per tutti: non solo ora, ma regolarmente. La città sta attraversando un'emergenza sanitaria che ha costretto tutti a cambiare la propria routine quotidiana e anche la propria prospettiva di vita. Ma insieme a questo, le misure che si sono dovute prendere per prevenire il contagio hanno avuto un grande impatto sull'economia nazionale e locale.

Programmi di aiuto del governo

Un buon numero di persone in città sopravvive di giorno in giorno alle attività quotidiane, come la vendita di cibo/prodotti per strada, la pulizia delle case e alcuni altri lavori che non possono essere fatti in questo momento. I governi nazionali e locali hanno facilitato programmi per aiutare le persone con scarse risorse ad avere accesso a un bonus in modo che possano ottenere cibo e l'essenziale. Tuttavia, questo aiuto non raggiunge ancora l'intera popolazione bisognosa. Anche molte organizzazioni e persone stanno aiutando, donando e portando cibo a chi ne ha bisogno. Non si tratta di una questione sollevata solo a causa del COVID-19, ma è peggiorata un po' a causa dell'attuale emergenza sanitaria in cui viviamo.

La gente e il governo sono preoccupati per la loro salute, ma tutti sono anche estremamente preoccupati per l'economia.

Associazioni di volontariato: Tutti possono aiutare

Una frase che ultimamente si dice comunemente tra la gente di Bucaramanga è: "O vado al lavoro e rischio di prendere il COVID-19, oppure resto a casa e muoio di fame". Purtroppo, questa è la parte triste della storia, quindi molte persone e organizzazioni si stanno unendo per portare cibo ed essenziale a chi ne ha più bisogno.

 © Fundación Alive
© Fundación Alive

Se avete voglia di aiutare i bisognosi, qui sotto potete trovare informazioni sulle associazioni aperte alle donazioni, che si tratti di denaro o semplicemente di alimenti e prodotti sanitari essenziali.

Banco alimentare di Bucaramanga

Si tratta di una fondazione sociale autosufficiente. Attualmente offrono 300 pasti al giorno a persone bisognose, compresi i senzatetto e gli immigrati. Si può donare cibo o denaro, ma onestamente, qualsiasi aiuto è più che apprezzato. Potete trovare il conto bancario per le donazioni sulla loro pagina web qui sotto:

https://bancoalimentosbucaramanga.org/

Alive - Organizzazione non profit

Alive" è un'organizzazione locale senza scopo di lucro con programmi sociali diretti alle comunità vulnerabili in condizioni di estrema povertà, alle cliniche e agli ospedali, così come al carcere femminile di Bucaramanga. Attualmente si stanno concentrando sulla raccolta di donazioni per fornire generi alimentari ed essenziali ai quartieri più vulnerabili della città. Trovate il pulsante "Donate" sulla pagina web o contattateli per ulteriori informazioni.

https://livingroomint.pro/donate/
https://www.instagram.com/alive.livingroomint/

Al momento, il meglio che possiamo fare è stare al sicuro a casa. So che potrebbe essere più facile a dirsi che a farsi, ma possiamo farcela: cerchiamo di fare del nostro meglio ogni giorno, anche in queste circostanze incerte. Speriamo che la nostra Bucaramanga, la bella città della Colombia, riesca ad affrontare la COVID-19 in modo efficiente e a tornare presto alla sua gloria.

E ricordate, il sole sorgerà di nuovo, e noi torneremo alla normalità!


Lo scrittore

Michelle Jiménez

Michelle Jiménez

Sono Michelle, 30 anni, originaria della Colombia. Appassionata di viaggi e culture, cucine e lingue diverse. Sono un'amante della natura e dello sport e della mia terra, Colombia. Farò del mio meglio per farla conoscere anche voi.

Altre storie di viaggio