©istock/Elena Odareeva
©istock/Elena Odareeva

Castello dei Rabati - simbolo di tolleranza

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Secondo fonti storiche, la città di Akhaltsikhe è stata fondata nel 9 ° secolo. Rabati è uno dei suoi quartieri dove cattolici, ebrei, armeni, ortodossi, cristiani e musulmani avevano le loro cappelle. Questo piccolo quartiere di Akhaltsikhe mostra al mondo come le persone con religioni diverse possono vivere insieme pacificamente e amichevolmente.

Oggi c'è il Museo Rabati in questo luogo. L'attenzione è rivolta alla moschea che è costruita in stile Aya Sophia con gli elementi ortodossi. Fu costruito da Ahmad Pasha Jakeli nel XVIII secolo sulla base della cattedrale ortodossa.

La sinagoga fu costruita nel 1863. Qui le preghiere si tengono raramente, solo quando la sinagoga è visitata da turisti ebrei. Perché secondo le regole ebraiche, almeno 10 uomini sono tenuti a partecipare alle preghiere e ci sono solo 5 famiglie ebraiche rimaste in Akhaltsikhe.

Origini del Castello di Rabati

La fortezza si trova vicino al fiume Potskhovi, sulla cima della montagna a circa 1000 m sul livello del mare. Si compone di diversi tipi di costruzioni del Medioevo.

La storia del Castello Rabati inizia nel IX secolo. Nei secoli XII-XIII questo luogo divenne la residenza di Jakels. Questa famiglia governava questa parte della Georgia da secoli. Durante la visita al castello si può liberamente immaginare che si viaggia in tempi antichi della Georgia. La fortezza attira l'attenzione dei turisti per la sua architettura, labirinti, chiese e moschea. È inoltre possibile visitare il museo storico di Samtskhe-Javakheti che si trova nella casa di famiglia Jakeli.

Nel Museo sono esposti numerosi reperti dell'età del bronzo e le tracce della prima metallurgia. Tra questi ci sono le lastre solari, che indicano il tempo antico.

La moschea "Akhmedie

La moschea chiamata "Akhmedie" è costruita nel 1752 anni dagli architetti italiani. Secondo la leggenda, un architetto georgiano lo costruì nello stile della chiesa di Aya Sophia e per questo ottenne la pena di morte.

Questa leggenda deriva dall'architettura della moschea. Se Aya Sophia era una chiesa prima e divenne una moschea, il destino di "Akhmedie" era, al contrario, era una moschea all'inizio e poi lo rifatto nella chiesa.

Attrazione turistica

Oggi il complesso non ha più scopo religioso. Le persone che vengono qui saranno in grado di conoscere diversi periodi della storia georgiana e hanno un buon momento per rilassarsi. Nella seconda parte del complesso sono l'hotel, bar notturno, caffetterie e anche centro commerciale, in modo che gli ospiti non hanno bisogno di uscire.

Gli amanti sono in grado di sposarsi qui in un'atmosfera molto romantica - oltre il "Vicolo d'amore", alla fine della fortezza, c'è una piccola, bella casa di nozze. Sulla porta di ferro si scrivono parole molto interessanti: "Le tue guance sono belle, prendimi e andremo insieme, ricorderò per sempre il tuo nome. Tu sei dolce, caldo e bello, mi dica dove sei, amo il tuo tocco perché è più dolce del miglior vino".

Il restauro del Castello Rabati è iniziato nel 2011. Oggi Rabati è il luogo preferito dai viaggiatori e viene visitato ogni giorno da diverse migliaia di turisti. Qualche anno fa il castello Rabati è stato premiato per essere un simbolo di tolleranza, perché è un luogo dove molte nazionalità vivono in pace l'una accanto all'altra, indipendentemente dalla loro diversità etnica e religiosa.

Rabati Castle, Akhaltsikhe
Rabati Castle, Akhaltsikhe
Αχαλτσίχ, Γεωργία

Lo scrittore

Anano Chikhradze

Anano Chikhradze

Io sono Anano. Amo viaggiare, conoscere la storia e conoscere persone provenienti da tutto il mondo. Scrivo della Georgia, il mio paese, e sono sicuro che tutti se ne innamoreranno.

Altre storie di viaggio