©istock/Vladislav Zolotov
©istock/Vladislav Zolotov

L'iconica Piazza del Palazzo di San Pietroburgo

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Chiunque visiti San Pietroburgo sa dove andare se vuole sentire il ritmo del cuore della città. Signore e signori, date il benvenuto all'iconica Piazza del Palazzo nella "capitale del nord" russa. Allo stesso tempo, c'è anche un insieme architettonico unico formato dall'inizio del XIX secolo e il famoso Museo Statale dell'Ermitage, una delle istituzioni culturali più importanti di tutta la Russia.

Un po' sul posto più famoso del mondo.

© Wikimedia/Mikhey77777
© Wikimedia/Mikhey77777

Fino alla metà del XVIII secolo, nella piazza del Palazzo non c'era altro che l'immenso spazio per festeggiamenti di vario genere, il pascolo del bestiame e l'addestramento delle truppe militari. In seguito, vi apparve il primo edificio, e fu il famoso Palazzo d'Inverno, la residenza degli zar russi. Oggi ospita la collezione del Museo dell'Ermitage. Il Palazzo d'Inverno ha il suo fascino barocco, mentre gli annessi sono costruiti in stile neoclassico.

Proprio di fronte al Palazzo d'Inverno, c'è un edificio con un enorme arco, coronato da una quadriga della dea della vittoria Nike insieme a due guerrieri romani che la aiutano. Questo è il General Staff Building, costruito su richiesta dell'imperatore Alessandro I di Russia. Egli considerava la Piazza del Palazzo un luogo ideale per commemorare la vittoria dell'Impero russo sulle truppe napoleoniche durante la guerra patriottica del 1812. Al centro della Piazza del Palazzo, fu eretta la Colonna di Alessandro. Celebra anche Alessandro I di Russia come imperatore che vinse la guerra contro la Francia napoleonica. In cima, c'è un sottile angelo che tiene una croce. Ha un'iscrizione di accompagnamento, "ad Alessandro I, riconoscente Russia".

Un ruolo nella storia

© Flickr/Alexxx Malev
© Flickr/Alexxx Malev

Nel XIX e all'inizio del XX secolo, la Piazza del Palazzo era utilizzata per ospitare diverse parate. Anche la famigerata manifestazione operaia chiamata 'Bloody Sunday' del 1905 si tenne nella piazza del Palazzo. Dodici anni dopo, proprio questa piazza ha affrontato la battaglia finale della Rivoluzione d'Ottobre, dopo di che i sovietici hanno preso il potere in Russia. Nel 1918, la Piazza del Palazzo prese il nome da Moisei Uritsky, un leader rivoluzionario bolscevico, ma il nome storico fu restituito alla piazza nel 1944.

Da allora, la Piazza del Palazzo è diventata uno spazio per ospitare diversi eventi, come le celebrazioni della Giornata della città con sfilate, festival, maratone sportive e concerti. Ad esempio, Paul McCartney, Madonna, Placido Domingo, Elton John, The Rolling Stones, e molti altri si sono esibiti lì dagli anni Novanta.

Inoltre, la storia dell'auto a cavallo di San Pietroburgo è iniziata nei pressi della Piazza del Palazzo, nella seconda metà del XIX secolo. Quasi mezzo secolo dopo, anche i primi tram e autobus iniziarono il loro percorso nelle vicinanze. Di recente, la Piazza del Palazzo è stata completamente pedonalizzata.

Quando si entra nella Piazza del Palazzo, ci si rende conto di quanto sia vasta - ricorda davvero un campo spazioso dove ci si sente a proprio agio. Essendo una piazza simbolo di San Pietroburgo, vede molte persone, soprattutto quelle lunghe code di amanti dell'arte che vogliono visitare il Museo dell'Ermitage. Ma respira anche con la storia, e tutti quelli che vengono a San Pietroburgo dovrebbero sentirla.

Palace Square, Saint Petersburg
Palace Square, Saint Petersburg
Palace Square, Sankt-Peterburg, Russia, 198324

Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Maria Selezneva

Maria Selezneva

Ciao, io sono Maria, o Masha, come mi chiamano i russofoni. Sono la vostra guida locale per i luoghi da non perdere e anche per i luoghi fuori dai sentieri battuti di Mosca e San Pietroburgo. Vi mostrerò le mie destinazioni preferite in entrambe le città, dove potrete sentire il vero spirito delle tradizioni locali.

Altre storie di viaggio