© iStock-Daniela Paoliello
© iStock-Daniela Paoliello

Riserva Nazionale Eduardo Avaroa - Il tesoro degli altipiani

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Lagune di colori, deserti di sabbia e sale, geyser, acque termali e insolite formazioni rocciose sono alcune delle meraviglie della natura che vi stupiranno nella riserva nazionale della fauna andina di Eduardo Avaroa, situata nell'estremità sud-occidentale della Bolivia.

Eduardo Avaroa Andean Fauna National Reserve, Potosí
Eduardo Avaroa Andean Fauna National Reserve, Potosí

Terra di deserti

Alcuni dei deserti sabbiosi più alti e secchi del mondo si trovano all'interno della Riserva Eduardo Avaroa. Probabilmente, la parte più speciale di esso sono le sue caratteristiche atmosferiche, che lo rendono leader nella lista dei "migliori posti al mondo per osservare le stelle".

Tra i deserti della riserva, però, ce n'è uno con forme e colori che richiama alla mente i dipinti surrealisti di uno dei più famosi artisti spagnoli, da cui prende il nome, il deserto di Salvador Dalí.

Desierto Salvador Dali
Desierto Salvador Dali
© iStock-nikpal
© iStock-nikpal

In ogni caso, i deserti qui non sono formati solo dalla sabbia, ma anche dal sale! Infatti, se volete vedere il più grande deserto di sale - della Bolivia e del mondo - andate un po' più a nord dalla riserva, e troverete la maestosa Salina di Uyuni!

Uyuni Salt Flat, Potosí
Uyuni Salt Flat, Potosí
Salar de Uyuni, Bolivia

Sol de Mañana

Sol de Mañana (sole del mattino) è un'area all'interno della riserva dove l'attività vulcanica ha dato luogo a geyser, fango bollente e minerali fusi, tra gli altri fenomeni.

A questa altitudine, l'acqua bolle a 83 °C e il fango bollente confina con questa temperatura. Proprio come le lagune di colori, il fango bollente può a volte essere colorato dai minerali; è così che - oltre al solito grigio - il fango bollente può avere colori come il giallo o il rosa.

Coloro che sono pronti a svegliarsi molto presto fisseranno i geyser al meglio. Questo vapore minerale che fuoriesce ad alta pressione dalle croste della terra, a volte, può raggiungere i 50 metri di altezza.

Sol de Mañana
Sol de Mañana
© iStock/mariusz_prusaczyk
© iStock/mariusz_prusaczyk

Formazioni di pietra

All'interno del deserto di Siloli, tra tutte le formazioni rocciose, ce n'è una che attira l'attenzione soprattutto per la sua particolare forma di albero. Questa pietra, chiamata Árbol de Piedra (albero di pietra), sembra che possa cadere al tocco più minimale, ma invece è lì ferma come dono del fenomeno dell'erosione.

Árbol de Piedra
Árbol de Piedra
© iStock/larissapereira
© iStock/larissapereira

Il Bosque de Piedras e Italia Perdida - situati sul lato nord del parco - sono invece due complessi con interessanti formazioni di pietra per coloro che possono far volare la loro immaginazione.

Bosque de Piedras
Bosque de Piedras
Italia Perdida
Italia Perdida
© Zoomalmapa/VanesaZegada
© Zoomalmapa/VanesaZegada

Lagune di colori

Lagune di vari colori con incredibili sfondi vulcanici deliziano la vista lungo la riserva, e su di loro potete saperne di più nell'articolo intitolato "Lagune di colori e sorgenti calde in altopiano".

© iStock/Jacynthroode
© iStock/Jacynthroode

Animali andini

A prima vista, sembra che nessun animale possa vivere sotto questo territorio freddo, avverso e desertico, ma non possiamo sbagliare di più. Più di cento specie di mammiferi, uccelli e rettili vivono nella riserva! Lungo il viaggio, non è raro avvistare volpi selvatiche e vizcachas che si avvicinano ai turisti. D'altra parte, i condor volano liberamente lungo il cielo mentre gli struzzi corrono il più velocemente possibile quando si spaventano un po'. I fortunati potrebbero anche trovare un quirquincho o un gatto andino.

© iStock/marktucan
© iStock/marktucan

In ogni caso, una delle immagini più particolari è quella delle diverse specie di fenicotteri che trascorrono il loro tempo nelle lagune di colori, in particolare i fenicotteri rosa che si abbinano in tinta con la Laguna Colorada (Laguna Colorada rossa).

© iStock-Vividus
© iStock-Vividus

Infine, naturalmente, gli altipiani non sarebbero gli altipiani senza la presenza di lama soffici, alpaca e vicende.

© iStock/marktucan
© iStock/marktucan

Quella che sembra essere una regione desertica, la Riserva Nazionale della Fauna Andina Eduardo Avaroa, salva così tanti tesori che è difficile da credere. Immergersi in questa terra, a volte sembra quasi surreale. Colori e contrasti fanno di questo bordo del mondo un'originale opera d'arte naturale.


Lo scrittore

Vanesa Zegada

Vanesa Zegada

Sono Vanesa dalla Bolivia, e sono un vero amante del mio paese. Non smette mai di sorprendermi, anche se sono di qui. E' un paese ricco di diversità, tradizioni, luoghi interessanti, che voglio condividere con voi attraverso le mie storie di viaggio su itinari.

Altre storie di viaggio