Cover picture © Credit to: istock/AGCreativeLab
Cover picture © Credit to: istock/AGCreativeLab

Spotlight Festival, il piacere della folla di Bucarest

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Vivere nella capitale della Romania, Bucarest, ha molti vantaggi. C'è sempre qualcosa di nuovo che può entusiasmare. Sembra che ogni giorno ci sia un nuovo ristorante o un nuovo evento culturale che rende la capitale un luogo di divertimento. Il Spotlight Festival è sicuramente sulla lista degli eventi che portano emozioni e persone che desiderano assistere allo spettacolo di luci negli anni e negli anni a venire. Con installazioni luminose e proiezioni, in breve tempo, il Spotlight Festival è diventato il piacere della folla di Bucarest.

Picture © Credit to: istock/AGCreativeLab
Picture © Credit to: istock/AGCreativeLab

Non è una festa usuale

Quando si sente la parola festival, la prima cosa che viene in mente è un palcoscenico circondato da persone che si divertono. Ma anche se la musica gioca un ruolo importante nel Festival Spotlight, non è il centro dell'attenzione. Il punto focale di questo festival sono le installazioni luminose, che sono collocate in tutto il centro città, soprattutto sulla Calea Victoriei Street. È qui che gli edifici più antichi e più apprezzati di Bucarest prendono vita ogni anno in aprile.

Spotlight Festival Bucharest
Spotlight Festival Bucharest
Calea Victoriei, București, România

Il Spotlight Festival rende speciale la primavera a Bucarest da quattro anni, che quest'anno segna la quinta edizione dell'evento. Ci sono diversi festival di installazioni luminose che si svolgono ogni anno in tutta Europa, creando una nuova tendenza europea. Le feste della luce si svolgono solo di notte, in modo che le installazioni e le proiezioni possano essere viste al meglio. Negli ultimi anni, l'evento Spotlight a Bucarest è iniziato intorno alle 20:00 e si è concluso prima di mezzanotte. E' impossibile rimanere all'interno quando le strade della capitale sembrano sviluppare una vita propria e vi invitano a unirsi al divertimento all'esterno.

Gli edifici animati

Picture © Credit to: wikipedia/Britchi Mirela
Picture © Credit to: wikipedia/Britchi Mirela

Per coloro che hanno unito le luci della città durante l'evento in questi ultimi quattro anni, i creatori del Festival Spotlight Festival hanno illuminato diversi edifici turistici antichi. Anche se alcuni degli edifici scelti sono cambiati da un'edizione all'altra, ce ne sono un paio che rimangono costanti e che il pubblico vedrà sicuramente illuminato negli anni a venire.

Tra questi edifici c'è un luogo dove una volta si poteva sentire il detto "Dai un leone all'Ateneo di Bucarest". L'Ateneo è stato una scelta popolare del festival ed è uno dei più grandi piaceri del pubblico. Proprio dall'altro lato della strada c'è un'altra scelta frequente del festival, il Museo Nazionale d'Arte della Romania.

Picture © Credit to: istock/AGCreativeLab
Picture © Credit to: istock/AGCreativeLab

Negli ultimi due anni, DJ e flashmob hanno attirato grandi folle di fronte al Muzica Store, un negozio di strumenti musicali. E' qui che tutti gli edifici circostanti si trasformano in una discoteca esterna, attraverso proiezioni luminose che imitano il gioco di luci interne di un nightclub. Questa parte dell'evento si chiama DISCOBALLS e vi intratterrà sicuramente. Tutti i luoghi sopra citati e molti altri attendono ogni anno gli spettatori con proiezioni luminose, installazioni luminose, artisti di strada, tanta musica e divertimento.

Festival sotto i riflettori nel 2019

Quest'anno, il Spotlight Festival ha scelto un tema speciale per l'evento: Europe Lights. Il festival vuole mostrare attraverso la sua arte diverse prospettive di come sarà l'Europa in futuro e come dobbiamo unirci tutti, nonostante le nostre differenze, per diventare forti insieme. Il festival, che si svolgerà tra il 18 e il 21 aprile, riunirà sicuramente un gran numero di persone. La stessa cosa è successa negli ultimi quattro anni, con oltre 500.000 persone presenti all'ultima edizione.

Se si desidera visitare la città di giorno e vedere il festival di notte, allora si dovrebbe essere consapevoli che la maggior parte dei musei che si trasformano in spettacoli di luce possono essere visitati anche prima che faccia buio. Molti musei interessanti che non sono sulla lista del festival si trovano anche nella zona, come il George Enescu Museum, la casa dei musicisti.

Picture © Credit to: istock/AGCreativeLab
Picture © Credit to: istock/AGCreativeLab

Il luogo dell'evento è ideale per i turisti, per la quantità di luoghi di visita culturale della zona, così come per i caffè e i ristoranti. Un ristorante nelle vicinanze da non perdere è il ristorante Excalibur di Bucarest, un luogo dove ci si può prendere una pausa dalla tecnologia e sperimentare la cucina medievale.

Il Festival dei Riflettori si è trasformato nel piacere della folla di Bucarest apparentemente durante la notte. Non è difficile capire perché. La Calea Victoriei Street si trasforma in un regno di meraviglia attraverso la luce e la musica. Partecipare a questo festival luminoso, e lasciare che le luci vi guidi attraverso la notte.


Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Iulia Condrea

Iulia Condrea

Ciao! Mi chiamo Iulia e vengo dalla Romania. Come insegnante, cerco di esplorare un nuovo paese in un modo che mi permetta di condividere la sua bellezza con gli altri, una volta tornato. Mi considero un narratore e desidero condurvi in un viaggio virtuale attraverso la Romania, per farvi scoprire i suoi tesori nascosti.

Altre storie di viaggio