Aprile a Belgrado

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Il senso di una città

Non possiamo non notare e menzionare, in modo molto cliché, che la primavera è finalmente qui. Il vostro risveglio interiore e la fioritura è in accordo con quello che si verifica in natura. Ecco perché ritengo che sia stupido non accorgersene. Perché non fermarci un attimo, guardarci intorno e abbandonarci ai nostri cinque sensi fino in fondo. Sono davvero entusiasta dell'arrivo della primavera. Sono ancora più entusiasta di essere nel posto più incredibile per sentirlo, Belgrado. Ispirandomi agli articoli di Zlata sui sensi di Belgrado e a una delle mie canzoni preferite dal cantante più famoso della Jugoslavia, Zdravko Colic Cola, dal titolo "Aprile a Belgrado", ho deciso di intraprendere questo viaggio per godermi Belgrado durante questo mese glorioso. Ascolta la canzone qui sotto. Nonostante il fatto che non si capisce il testo, spero che sarà lo stato d'animo, e prepararvi per questo viaggio.

Aprile a Belgrado. Invano alla ricerca di una ragazza che tocca splendidamente. Aprile a Belgrado, tocca i capelli delicatamente. Forse è lei, ma qualcun altro la bacia.

Mentre Cola parla di una ragazza, delle sue labbra lussureggianti, del suo modo di toccare e del vento che le muove i capelli, a Belgrado mi dilungherò un po' e cercherò di sedurre tutti i sensi.

Vedere

E' un peccato che molte persone abbiano un prezioso potere visivo, ma non stanno vedendo molto. Pensano di farlo, ma in realtà, sono solo a piedi, senza effettivamente riconoscere e percepire il loro ambiente circostante. Ci sono sempre tante cose da vedere a Belgrado. Oltre a due fiumi gloriosi di Sava e Danubio, le cose più preziose di questa città durante la primavera sono i suoi parchi. Kalemegdan e Tasmajdan sono il mio consiglio più caloroso. Vi vedrete tra persone che invecchiano dai 3 ai 103 anni. E vi innamorerete della vista di quelle persone vivaci nella natura in fiore.

Odore

A Belgrado, specialmente durante l'aprile meravigliosamente caldo, oltre ai fiori in fiore, ai dolci freschi e alla frutta, il mio odore preferito proviene sicuramente dai deliziosi popcorns della catena Pecina. Li si può riconoscere dal carrello giallo, e bene, l'odore inebriante che sono sicuro che non vi lascerà indifferenti. Sono mosty trovato a Knez Mihailova strada. Concedetevi un sacco grande e in cambio otterrete una bella nota motivazionale. Non sono quasi mai vere.

Gusto

Le cose più organiche, deliziose e dolci che si possono provare a Belgrado in aprile sono, semplice come quella, frutta e verdura fresca dai mercati più autentici di Belgrado. Entra tra la folla, assaggia diversi tipi di prelibatezze naturali e negozia i prezzi. Il mio suggerimento più caloroso è il mercato Bajloni, in centro città. Ho trascorso gran parte della mia infanzia lì, accompagnando mia madre e mia nonna.

Toccare

Mentre senti la brezza primaverile sulla tua pelle, non importa in quale città sei, e dove andrai, sempre toccare i tuoi cari. Abbracciali il più intensamente possibile, e godetevi davvero il momento. Molto spesso nel centro di Belgrado, ci sono organizzate diverse iniziative di "abbracci liberi", dove gli stranieri completi semplicemente si avvicinano e abbracciano. All'inizio è strano, ma sentirai subito l'amore diffondersi tra le persone.

Sentire

Infine, approfittate per fare una bella passeggiata in via Knez Mihailova e ascoltare artisti di strada di grande talento, che vanno dal jazz alla musica classica. Se vi catturate solo di passaggio, poi fermatevi per un momento, forse trattare il musicista con qualche cambiamento e davvero indulgere in tutta l'atmosfera. E, naturalmente, nel frattempo, giocare Cola su ripetizione. Perché Apri a Belgrado è magico!


Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Lejla Dizdarevic

Lejla Dizdarevic

Sono Lejla, serbo, serbo, appassionato di scrittura, radio e teatro. Vorrei mostrarvi le gemme nascoste dei miei amati paesi balcanici.

Altre storie di viaggio