Budapest - L'avanguardia per superare gli ostacoli (Parte II)

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Come promesso, continuo a presentare i ponti di Budapest, che fanno della capitale ungherese l'avanguardia per superare gli ostacoli, giorno dopo giorno. Nel mio ultimo articolo, ho lasciato cadere alcune righe su tre ponti principali costruiti sul Danubio, in modo da avere già qualcosa in tasca per condividere con i tuoi amici su Ponte delle Catene, Ponte della Libertà e Ponte Margherita. Se volete conoscere altri fatti sull'Ungheria, date un'occhiata alla mia ex artica sul tesoro storico nel cuore dell'Europa. Questa volta presenterò altri due ponti famosi e significativi a Budapest, al fine di ampliare la vostra conoscenza dell'argomento. Quindi, non perdiamo tempo, e iniziare.

Danube River
Danube River
Duna
Budapest
Budapest
Budapest, Magyarország
Szechenyi Chain Bridge
Szechenyi Chain Bridge
Budapest, Széchenyi Lánchíd, Hongrie
Liberty Bridge (Szabadsag hid)
Liberty Bridge (Szabadsag hid)
Budapest, Szabadság híd, Hongrie
Margaret Bridge (Margit híd)
Margaret Bridge (Margit híd)
Budapest, Magyarország

Ponte Elisabetta

No, non Sua Altezza Reale che regna da 66 anni sugli inglesi, ma la moglie di Giuseppe Francesco I, detto Sissi, la regina d'Ungheria e della Repubblica Ceca e l'imperatrice d'Austria. La necessità di costruire il Ponte Elisabetta divenne ufficiale nel 1893, in linea con il Ponte di Joseph Franz, oggi conosciuto come Ponte della Libertà. Fu lanciato dieci anni dopo, nel 1903, e prese il nome dalla regina, assassinata a Ginevra, per mano di un anarchico italiano, quando visitò questa città svizzera nel 1898. Questo edificio era l'unico ponte di Budapest, che non poteva essere ricostruito nella sua forma originale, dopo i bombardamenti dei tedeschi, in quanto le spese di ristrutturazione sarebbero state troppo elevate. Purtroppo, durante i lavori preparatori per la costruzione del ponte, la maggior parte del centro storico della capitale ungherese si è bulldozerata per ottenere spazio per l'uscita verso Pest. Anche se la forma e le dimensioni del ponte attuale offre una prospettiva accattivante, gli ungheresi sempre ottenere un po 'amaro, quando si vede una fotografia della realizzazione originale.

Elisabeth Bridge
Elisabeth Bridge
Budapest, Elisabeth Bridge, Erzsébet híd, 1013 Hongrie

Ponte Petőfi

Il ponte Petőfi è stato costruito tra il 1933 e il 1937 e inizialmente portava il nome di Miklós Horthy, il governatore contraddittorio del Regno d'Ungheria dal 1920 al 1944. L'idea di costruire il ponte è nata già all'inizio del XX secolo, ma a causa della prima guerra mondiale, il progetto è stato messo da parte fino al 1930. Non poteva rimanere a lungo in pace per servire la gente, come i tedeschi hanno fatto saltare troppo. Al suo posto, nello stesso anno della distruzione, fu costruito un ponte militare temporaneo. La ristrutturazione completa è stata completata nel 1952, quando ha ricevuto anche il suo nuovo nome. Sándor Petőfi è stato un poeta e rivoluzionario ungherese di fama mondiale e fino ad oggi è stato una figura celebre nel paese. Il ponte Petőfi è un punto estremamente importante del traffico della capitale, ma diventa molto trafficato quando un artista di fama mondiale dà uno spettacolo alla popolare barca A38, che si trova proprio accanto ai piedi del ponte.

Petőfi Bridge (Petőfi híd)
Petőfi Bridge (Petőfi híd)
Budapest, Magyarország
A38 Party Boat
A38 Party Boat
Budapest, Petőfi híd, Magyarország

Tutti insieme, ci sono nove ponti nella capitale ungherese, così nel prossimo articolo ne presenterò altri quattro. Fino ad allora, se volete, date un'occhiata al mio primo articolo su Budapest, l'avanguardia nel superare gli ostacoli.


Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Vivi Bencze

Vivi Bencze

Ciao, mi chiamo Vivi e vengo dall'Ungheria, sempre entusiasta di esplorare quanti più posti possibile. Vivo a Budapest e la mia motivazione è farti esplorare l'Ungheria come la vedo io il mio paese.

Altre storie di viaggio