© iStock/ Kanishka Guha Biswas
© iStock/ Kanishka Guha Biswas

Tempio di Dakshineswar Kali: una venerata sede dell'induismo vicino a Kolkata.

5 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

L'induismo, una delle religioni più antiche del mondo, è la religione più grande dell'India, con quasi l'80% della popolazione indù. Per questo motivo, le sedi di pellegrinaggio indù nel paese sono manifestazioni suggestive dell'arte, dell'architettura, della cultura e della storia indiana. Lo shaktismo è una grande setta indù che adora Shakti, la Suprema Madre Divina, in molte forme. La dea Kali è ritenuta la più potente incarnazione di Shakti ed è venerata con quel tipo di fasto, grandezza e rispetto che merita una visita in uno dei tanti templi di Kali nella parte orientale dell'India. Il tempio di Dakshineswar Kali, vicino a Calcutta, la città della gioia, è uno dei più grandi templi di Kali del paese ed è un esempio prezioso di architettura indigena. Il Dakshineshwar Kali è così venerato in tutto il mondo che il tempio è testimone di un'ondata di 13 milioni di visitatori all'anno. Ogni volta che visitate Calcutta, assicuratevi di includere il Tempio di Dakshineswar Kali nel vostro itinerario!

La costruzione del tempio

© Wikipedia/ P.K.Niyogi
© Wikipedia/ P.K.Niyogi

Il tempio di Dakshineswar Kali, situato sulla riva orientale del fiume Hooghly, dista solo 20 chilometri dal centro di Calcutta. Il tempio fu fondato dalla famosa filantropa e riformatrice sociale bengalese Rani Rashmoni, dopo un'epifania divina. Rani Rashmoni, che era un'aristocratica zamindar, era pronta ad intraprendere un pellegrinaggio nella città santa di Varanasi nel 1847. Si dice che la notte precedente la dea Kali stessa sia apparsa in sogno e abbia incaricato quest'ultima di costruire un tempio sulla riva del fiume Hooghly e di dedicarlo alla dea. Dopo una vigorosa caccia alla terra, è stato scelto un terreno di 20 acri per il tempio nel villaggio di Dakshineswar. All'epoca, la trama assomigliava al guscio di una tartaruga ed era avvolta da fitte giungle. Un cristiano europeo possedeva una parte della trama, e l'altra parte era un cimitero musulmano più indietro nel tempo. Rani Rashmoni vedeva in questo un'opportunità per riunire fedi diverse costruendo un tempio indù sulla stessa terra. La costruzione del tempio iniziò nel 1847, e aprì le sue porte ai devoti nel 1855.

All'interno del complesso del tempio di Dakshineswar

© flickr/ shankar s.
© flickr/ shankar s.

Il Tempio di Dakshineswar è costato circa 9 rupie di lakh per essere costruito in 8 anni. Basta un'occhiata per capire perché ne è valsa la pena. Il tempio sembra quasi irreale; vi sembrerà di guardare un dipinto vibrante che trasuda pace e calma! Il tempio è stato costruito in stile tradizionale bengalese Navaratna, con 9 guglie che si innalzano fino a 100 piedi e diverse torrette e archi a più livelli. Una rampa di scale conduce alla garva-griha (santuario) che ospita Bhavatarini, il soprannome con cui il Dakshineswar Kali è famoso in tutto il mondo. L'idolo Bhavatarini, ornato di gioielli d'oro, riposa in un loto di argento puro dai mille petali. Il tempio principale di Kali, che è un'enorme struttura a tre piani, si trova al centro di un enorme cortile circondato da un tempio Radha-Krishna e da 12 templi identici dedicati a Lord Shiva. I 12 templi Shiva sono stati progettati nel tipico stile bengalese Aat-Chala (che significa 8 grondaie). Nel cortile c'è anche un Nat Mandir (sala da ballo) dove si tengono vari discorsi religiosi e si eseguono canti religiosi.

Ramakrishna Paramahansa e Dakshineswar

© Flickr/ shankar s.
© Flickr/ shankar s.

Ramkumar Chattopadhyay era il capo sacerdote del Tempio di Dakshineswar Kali quando fu fondato nel 1855. Quando morì dopo un anno, suo fratello minore, Ramakrishna Chattopadhyay, prese il sopravvento. Questo stesso Ramakrishna è diventato il grande santo, mistico e leader spirituale, Sri Ramakrishna Paramahansa. È a Dakshineswar che ha raggiunto l'estasi spirituale. Sri Ramakrishna ha trascorso gli ultimi quattordici anni della sua vita in una stanza all'estremità occidentale del complesso del tempio di Dakshineswar. Dovreste assolutamente dare un'occhiata alla sua stanza dove sono esposti gli effetti personali del grande uomo. Fate anche una visita a Panchavati a nord del complesso del tempio, dove Sri Ramkrishna è rimasto impegnato nel Tantra Sadhana per 12 anni. Per chi non lo sapesse, è un aspetto dello Shaktism, il cui scopo è quello di vedere tutte le sfaccettature del mondo naturale come rappresentazioni di Shakti.

Rituali eseguiti e festival celebrati al Tempio di Dakshineswar Kali

© Wikimedia Commons/ Jagadhatri
© Wikimedia Commons/ Jagadhatri

Il Tempio di Dakshineswar Kali aarti (aarti è una parola sanscrita che significa "offerta di preghiera") è un'esperienza da non perdere. Mentre diversi aartis vengono eseguiti nel corso di una giornata, vi suggerisco di cercare di essere presenti sia per il Bhog aarti (Bhog - il cibo offerto alla Dea, poi distribuito tra i devoti) che per il Sandhya aarti (Sandhya-sera). L'aarti di Dakshineswar Bhog viene eseguito ogni giorno a mezzogiorno, mentre l'aarti di Sandhya viene eseguito alle 19.00 durante i mesi estivi e alle 18.30 nella stagione invernale.

Molti festival sono celebrati con splendore a Dakshineswar. La più importante di tutte è la Kali Puja che si celebra durante il Diwali (ottobre-novembre). Il tempio, addobbato con fiori, fili di luci e diyas (lampade a olio) e illuminato da lucernari, è uno spettacolo da vedere nel giorno della Kali Puja. Migliaia di devoti visitano il tempio in questa occasione di buon auspicio per cercare le benedizioni di Maa Bhavatarini. La festa di Navratri, che dura 9 giorni (settembre-ottobre), viene celebrata attraverso il sacro Kumari Puja, dove le ragazze in età prepuberale vengono adorate come le manifestazioni di Shakti. Un festival molto significativo celebrato al tempio di Dakshineswar è il Kalpataru Utsav. Si tratta di una festa annuale che si celebra il 1° gennaio di ogni anno per celebrare la rivelazione di Sri Ramakrishna come Avatar (avatar è una parola sanscrita che significa "il Dio incarnato") il 1° gennaio 1886.

Come raggiungere il tempio di Dakshineswar Kali

Dakshineswar si trova nel quartiere adiacente di Calcutta, Howrah, ed è facilmente raggiungibile. Se volete viaggiare in treno, salite a bordo del Dancuni Local o del Darjeeling Mail dalla stazione di Sealdah nel cuore di Kolkata e scendete alla stazione ferroviaria di Dakshineswar. La stazione è collegata alla splendida Dakshineswar Skywalk di 350 metri che vi condurrà direttamente alla porta del tempio. Lo skywalk, che prende il nome nientemeno che da Rani Rashmoni, è stato costruito dal governo del Bengala Occidentale per la comodità dei visitatori e anche per alleviare i problemi di traffico nella zona congestionata. Se volete raggiungere il tempio su strada, potete prenotare un'auto o salire su uno dei taxi ambasciatori gialli di Kolkata dalla stazione di Howrah. Il tempio rimane aperto ai visitatori tutti i giorni della settimana dalle 6.00 alle 12.30 e poi riapre alle 15.00 per chiudere alle 21.00. Se vi capita di raggiungere il luogo in qualsiasi momento tra le 12:30 e le 15:00, approfittate di questa opportunità per ingozzarvi dei deliziosi kachori (pane di grano fritto con ripieno vegetale) e dal (legumi speziati e zuppa di legumi) serviti nelle bancarelle fuori dal tempio. Suggerimento professionale: pianificare una gita di un giorno per visitare il vicino Tempio di Adyapeeth e il Monastero di Belur Math insieme al Tempio di Dakshineswar.

Un viaggio spirituale

© Wikimedia Commons/ Kinjal Bose
© Wikimedia Commons/ Kinjal Bose

Il tempio di Dakshineswar Kali è un tempio indù venerato che non discrimina in base alla religione, alla casta o al credo. Tutti sono i benvenuti qui. Quando si è in India, è necessario visitare un tempio per avere un assaggio delle tradizioni e delle credenze che affondano le loro radici nell'induismo. E non c'è posto migliore della sede di Maa Bhavatarini vicino a Calcutta per sperimentare tutto questo e molto altro ancora mentre si immerge nella bellezza dell'architettura e nella pace che emana.


Lo scrittore

Hitaishi Majumder

Hitaishi Majumder

Ehi, sono Hitaishi, un editore con sede a Kolkata, in India, e sono qui per presentarvi diverse parti del mio incredibile paese attraverso le mie storie di viaggio sulla gastronomia, la cultura, la storia e molto altro ancora!

Altre storie di viaggio