La leggenda di Nostra Signora delle Rocce

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Due isolotti galleggianti di fronte a Perast sono i simboli e le attrazioni principali della baia di Kotor. Una di esse, Gospa od Skrpjela (Nostra Signora delle Rocce), si distingue per la sua bellezza, ma la leggenda che sta dietro al suo nome la rende ancora più incantevole.

Nostra Signora delle Rocce è un'isola artificiale creata nel XV secolo. Secondo la leggenda, il 22 luglio 1452, due fratelli di Perast, entrambi pescatori, fondarono un'icona della Vergine con Cristo sulla scogliera. L'hanno portata a casa, ma domani mattina non c'era più. Apparve sulla stessa scogliera, così due fratelli la portarono a casa ancora una volta. La stessa cosa accadde - l'icona scomparve di nuovo e riapparve sulla scogliera.

Lo hanno capito come il desiderio di una Vergine di rimanere lì per sempre. Hanno giurato di costruire una chiesa dedicata a questa icona della Vergine, il santo patrono della gente di mare e dei pescatori.

Una piccola isola è stata fatta da persone provenienti da Perast che stavano saltando rocce e pietre intorno alla scogliera. Al centro dell'isola costruirono una piccola cappella. Per secoli, nell'evento tradizionale chiamato Fasinada, che si tiene ogni anno il 22 luglio, sono state gocciolando pietre e nel corso del tempo la superficie dell'isola è cresciuta. Ora, nel centro dell'isola è una chiesa cattolica di Nostra Signora delle Rocce. Fasinada si tiene ancora ogni anno. Persone in una processione di barche cadere le pietre del sito.

La chiesa è particolarmente significativa a causa di numerosi manufatti. Ci sono 68 dipinti di Tripo Kokolja - un famoso artista barocco del XVII secolo da Perast. Tra le opere più impressionanti c'è quella di Jacinta Kunic di Perast. In attesa del ritorno di suo marito marinaiolo da un lungo viaggio, ricamò un arazzo della Vergine. Ha usato fili d'oro e d'argento, ma il fatto più interessante è che lei aveva effettivamente ricamato i propri capelli in esso. Ci sono voluti 25 anni per terminare, dopo di che è diventata cieca.

All'interno della chiesa si trova un altare in marmo costruito nel 1796 da Antonio Kapelano, scultore genovese. Sull'altare si trova l'icona della Madonna delle Rocce, dipinta dal famoso pittore Lovro Dobričević a metà del XV secolo.


Lo scrittore

Katarina Kalicanin

Katarina Kalicanin

Io sono Katarina e il paese che conosco di più è sicuramente il mio: Montenegro. Escursionista attiva costantemente in contatto con la natura, sono ansioso di presentare il mio paese al mondo.

Altre storie di viaggio