© Credits to istock / surangaw
© Credits to istock / surangaw

Hallgrímskirkirkja - una chiesa ispirata dalla natura islandese

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Questa chiesa luterana a forma di razzo vicina al centro della capitale islandese è già stata votata sia come il più brutto luogo di culto sia come uno dei più belli del mondo. Una cosa è certa: è piuttosto strana. Sia che vi piaccia o no, dovreste assicurarvi una visita sul secondo edificio più alto d'Islanda, dedicatele un posto all’interno del vostro itinerario culturale a Reykjavik e non ve ne pentirete. Anche se non si trovano interessanti i suoi interni minimalisti e la particolare architettura ispirata alla natura, da lì si può godere di una splendida vista su Reykjavik.

© Credits to istock / barbara vallance
© Credits to istock / barbara vallance

Dopo anni di discussioni sulla sua ubicazione, la chiesa fu finalmente progettata nel 1937 da Guðjón Samuelsson, un architetto ufficiale islandese. I lavori di costruzione furono comunque ritardati a causa della guerra. Nel 1945, i lavori riprendono lentamente, a partire dalla cripta. Le ali sono state completate nel 1974 e la navata centrale è stata realizzata 12 anni dopo. Nel frattempo l'architetto è morto, così ha potuto assistere solo all'inizio dell’opera. La chiesa è dedicata al poeta più famoso d'Islanda, Hallgrímur Pétursson, autore degli "Inni della Passione", e questo spiega il suo nome. Hallgrímskirkirkja (pronuncia islandese: [ˈhatl̥krimsˌcʰɪr̥ca], significa chiesa di Hallgrímur.

Hallgrímskirkja Church
Hallgrímskirkja Church
Hallgrímstorg 101, 101 Reykjavík, Islande

Come la famosa Sagrada Familia di Gaudì, anche Hallgrímskirkirkja si è ispirata alla natura - in questo caso, più precisamente, alle forme ipnotizzanti create dal raffreddamento della lava in roccia basaltica. Nelle sue opere, Guðjón Samuelsson era spesso alla ricerca di uno stile particolare di "architettura islandese", cercava sempre di raggiungere l'armonia tra la costruzione stessa e il paesaggio islandese. Per questo motivo le ali e il campanile di Hallgrímskirkirkja ricordano le scogliere delle colonne di basalto.

La caratteristica più impressionante della chiesa è sicuramente un gigantesco organo a canne da 25 tonnellate costruito dal costruttore di organi tedesco Johannes Klais di Bonn.

© Credits to istock / bahadir-yeniceri
© Credits to istock / bahadir-yeniceri

Anche se c'è una cassetta per le donazioni (in realtà è una canna d'organo, non proprio una cassetta!), questa chiesa è in grado di sostenere le spese per la sua manutenzione, e di risparmiare ancora un po' di soldi, solo grazie alla quota che viene pagata dai turisti per utilizzare l'ascensore che li porta in cima al campanile della chiesa. Nel 2017 almeno 271.000 persone hanno preso l'ascensore e hanno pagato circa 7,33€ (1000ISK) ciascuno per salire.

© Credits to istock / sergdid
© Credits to istock / sergdid

Proprio di fronte alla chiesa noterete una bella statua di Leifur Eiríksson, l’ eroe più noto dell'Islanda di epoca vichinga. Eiriksson, secondo gli islandesi, approdò sulle coste del nuovo mondo per la prima volta nell'anno 1000 d.C., ossia 500 anni prima di Colombo. La statua è stata progettata dallo scultore americano Alexander Stirling Calder, e fu un dono degli Stati Uniti all'Islanda per celebrare i 1000 anni di Alþingi, il parlamento islandese.

Leifur Eiríksson Statue
Leifur Eiríksson Statue
Hallgrímstorg 101, 101 Reykjavík, Iceland
© Credits to istock / basiczto
© Credits to istock / basiczto

Ciò che a volte sconvolge i visitatori provenienti da paesi più conservatori è il fatto che ad Hallgrimskirkirkja vengono celebrati i matrimoni gay. Qualche anno fa, la Chiesa nazionale islandese decise che i sacerdoti in Islanda non potevano negare a due persone il matrimonio solo sulla base dell'orientamento sessuale. Il vescovo d'Islanda, Agnes M. Sigurðardóttir, ha detto che "la chiesa è innanzitutto la via dell'amore di Cristo e celebra la vita in tutta la sua diversità".

© Credits to istock / Bibhash Banerjee
© Credits to istock / Bibhash Banerjee

Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Natacha Costa

Natacha Costa

Ciao, vi racconterò del sud della Francia, le Azzorre, l'Islanda, tra gli altri luoghi, qui su itinari. Viaggiare mi ha insegnato più di ogni altra scuola e sono entusiasta di condividere questa mia passione con voi!

Altre storie di viaggio