Cover photo  © Credits to iStock/nedomacki
Cover photo  © Credits to iStock/nedomacki

Monastero di Mileseva, il cuore della serenità in Serbia

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Religiosi o meno, se volete capire la tradizione serba e avere un quadro più ampio degli eventi storici e dei ragionamenti, non c'è modo di evitare di visitare i monasteri serbi. Mentre la pratica della religione è riservata per lo più alle generazioni più anziane (e più giovani durante le feste ortodosse più importanti), i serbi sono molto orgogliosi di custodire la loro tradizione e la loro storia, e chiese e monasteri serbi secolari ne sono una parte inevitabile. Situato nei boschi vicino a Prijepolje, nell'aria pura e nella natura rilassante, il monastero di Mileseva è uno di quei nuclei tradizionali di serenità in Serbia.

Secoli di ispirazione

Picture © Credits to iStock/nedomacki
Picture © Credits to iStock/nedomacki

Il monastero fu costruito tra il 1218-1228 dal re Vladislav, figlio di Stefan il primo coronato, fondatore del più vecchio e molto apprezzato monastero di Zica. La tradizione vuole che i re e i governanti costruiscano chiese e monasteri imponenti come dono alla loro gente e come luogo dove la loro anima poteva riposare, una volta che chiudono gli occhi per sempre.

Mileseva Monastery, Prijepolje
Mileseva Monastery, Prijepolje
Mileševo, Serbia

Poiché l'Impero Ottomano ha governato la zona per più di 500 anni, questo monastero aveva una fede simile a quella dei suoi predecessori: spesso veniva saccheggiato, attaccato e bruciato. Tuttavia, fonti scritte suggeriscono che, anche durante gli anni dell'occupazione, è rimasta abitabile, praticando la religione e fornendo rifugio ai serbi senza speranza. Il monastero di Mileseva era un luogo sacro per la fede, un rifugio per i serbi oppressi, ma anche una stazione culturale ed educativa, poiché offriva opportunità di apprendimento per la gente comune.

Affreschi e opere d'arte

Gli affreschi che decorano le ottocentesche pareti del monastero di Mileseva sono diventati rappresentanti iconici dell'arte medievale serba. Anche se fortemente influenzato dall'arte religiosa bizantina, questo non lasciava molto spazio all'innovazione e alla sperimentazione. Catturano l'essenza dei valori serbi dell'epoca. Questo è anche il luogo dove è iniziata la tendenza a dipingere i ritratti dei reali serbi, solo per infondere fede e orgoglio nelle generazioni di persone che avevano a cuore il luogo in cerca di speranza e rifugio.

Picture © Credits to iStock/pavlemarjanovic
Picture © Credits to iStock/pavlemarjanovic

Il monastero custodisce un'opera d'arte medievale di valore internazionale: l'affresco dell'Angelo Bianco. L'affresco ispiratore è stato riconosciuto a livello mondiale per la sua unicità e il suo messaggio di pace ed è stato inviato nello spazio nella speranza di rappresentare una storia umana ai potenziali esseri extraterrestri.

L'amore esemplare per la patria

Curiosamente, una delle prime tipografie del paese fu fondata nel Monastero di Mileseva nel corso del XVI secolo. Questo testimonia solo la dedizione del popolo religioso per preservare la storia e diffondere l'educazione e la cultura. Un tale sforzo durante il dominio ottomano richiedeva non solo coraggio, ma anche vero patriottismo e un sistema di valori ben equilibrato, spogliato dall'odio e dalla voglia di vendetta.

Picture © Credits to iStock/nedomacki
Picture © Credits to iStock/nedomacki

Una volta dentro le sue fredde mura di pietra, si può sentire la pace e la calma che si diffonde attraverso il Monastero Mileseva. L'odore di incenso e il suono occasionale di campane che si aggrappano non faranno che aumentare l'esperienza, rassicurandovi che questo luogo sacro è veramente un nucleo di serenità in Serbia, anche oggi.


Lo scrittore

Milena Mihajlovic

Milena Mihajlovic

Io sono Milena e mi piace viaggiare, fare escursioni e tutto ciò che riguarda il caffè. Attraverso le mie storie, voglio ispirarvi a considerare la Serbia, il mio caro paese natale, per il vostro prossimo viaggio.

Altre storie di viaggio