© Mark Levitin
© Mark Levitin

Wae Rebo, l'ultimo villaggio tradizionale dei Manggarai a Flores

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Quelli di voi che sono stati a Flores o in qualsiasi altra isola tribale remota e simile, potrebbero obiettare: cosa significa l'ultimo villaggio tradizionale dei Manggarai? In una regione dove la maggior parte degli insediamenti è costituita da 20 capanne di bambù, 100 persone e 50 bufali, dove la popolazione mescola il cristianesimo semplificato con l'animismo, dove la forma di danza più famosa è in realtà un'arte marziale che usa la frusta come arma, come può diventare più autentica? Beh, si può. Le capanne di bambù, per esempio, hanno sostituito le tradizionali case coniche Manggarai, mbaru niang. I rituali animisti e i caci, la danza della frusta, si possono ancora vedere, ma bisogna essere fortunati per trovarli. I caci sono talvolta messi in scena per i turisti, ma non è la stessa cosa. A Wae Rebo, invece, il mbaru niang domina la piazza centrale, e la cerimonia Penti, un vero e proprio festival di culto dello spirito, si tiene ogni anno a novembre. Un torneo caci fa parte del festival. Dopo tutto, ci deve essere un motivo se questo villaggio di Flores ha ricevuto il Top Award of Excellence dall'UNESCO nel 2012.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Su tra le nuvole

Wae Rebo occupa una posizione strategica vicino alla cima di un'alta collina, a 1100 m slm. Dopo aver percorso tutta la salita su un sentiero sassoso, la chiamerete probabilmente una montagna. Finora, non c'è altro modo per raggiungere il paese che non sia un'escursione. Il motivo di tale collocazione può essere stato difensivo, ma oggi significa grandi panorami e nebbie mattutine, che in realtà sono nuvole basse bloccate a questo ostacolo naturale prima di evaporare. Le case e gli appezzamenti agricoli più comuni si estendono sui pendii sopra l'agglomerato di mbaru niang, e le viste panoramiche all'alba o al tramonto terranno occupato un fotografo per un bel po' di tempo. Naturalmente, è una buona idea aggiungere un'esperienza culturale supplementare arrivando in tempo per Penti.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Penti in Wae Rebo

Essenzialmente una tipica cerimonia animista, a differenza di quelle facilmente visibili in altri insediamenti tribali in tutto il mondo, Penti si sente speciale per due fattori: l'ambientazione unica e la procedura pienamente autentica. Il cristianesimo, e gli ultimi secoli in generale, sono temporaneamente dimenticati. Si inizia la mattina con una grande processione guidata dal capo sciamano fino a una pietra sacra appena fuori dal villaggio. Riso e uova vengono sacrificati in un rituale piuttosto elaborato. Poi la gente ritorna nella piazza principale, e il resto della giornata è dedicata ai festeggiamenti, principalmente caci. I combattenti indossano i costumi tradizionali, si avvolgono i sarich intorno alla testa per proteggere il viso, raccolgono fruste e scudi di pelle e iniziano i duelli. Tradizionalmente, si usano due tipi di fruste: uno dei guerrieri brandisce la varietà offensiva, simile al solito attrezzo per l'equitazione, mentre l'altro - quello difensivo, con un fusto più lungo e curvo e una sferzata corta, progettato per bloccare e impigliare l'attaccante. Il torneo si conclude nel tardo pomeriggio, quando gli anziani del villaggio e gli sciamani salgono al cimitero per sacrificare il pollo agli antenati. Infine, scendono nella piazza del villaggio, dove viene macellato altro pollo e viene eseguita la divinazione.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Praticità

Per raggiungere Wae Rebo, dovrete prima raggiungere Ruteng. È una piccola città di West Flores, raggiungibile in autobus da Labuan Bajo, ed è l'ultimo posto dove è possibile rifornirsi di tutto il necessario. Da lì le cose si fanno più interessanti. Una volta al giorno, se siete fortunati, e senza orari - chiedete in giro - parte un oto kayu (autocarro passeggeri) per il villaggio di Denge. A volte il camion si ferma qualche chilometro più in là - il resto lo dovrete fare a piedi. Altre escursioni vi aspettano quando inizierete a scalare la montagna - contate su 3-4 ore e aspettatevi un sentiero piuttosto brutto, soprattutto se di recente ha piovuto. All'ingresso del villaggio, i turisti devono sottoporsi a un'introduzione rituale agli spiriti guardiani e pagarne le conseguenze. Si può negoziare per minimizzare la cerimonia e ridurre leggermente la tassa, ma non a zero. Wae Rebo sta diventando abbastanza famoso, e la comunità Manggarai vuole trarne profitto. Altrimenti, sono amichevoli come ci si aspetta che siano gli indonesiani. L'alloggio è in una casa-famiglia, che può essere una normale capanna o un tradizionale mbaru niang. Non c'è segnale cellulare e l'elettricità è limitata. Per una vista migliore, salite alle case superiori o sopra di esse all'alba.

© Mark Levitin
© Mark Levitin
Wae Rebo, Flores
Wae Rebo, Flores
Satar Lenda, West Satar Mese, Manggarai Regency, East Nusa Tenggara, Indonesia

Lo scrittore

Mark Levitin

Mark Levitin

Sono Mark, un fotografo professionista di viaggi, un nomade digitale. Negli ultimi quattro anni sono stato in Indonesia; ogni anno trascorro circa sei mesi e l'altra metà dell'anno in viaggio verso l'Asia. Prima di allora, ho trascorso quattro anni in Thailandia, esplorando il paese da ogni punto di vista.

Altre storie di viaggio