iStock/xeni4ka
iStock/xeni4ka

Parco Nazionale Los Alerces, un primo approccio alla Patagonia

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

La Patagonia è sinonimo di natura, aria fresca, acqua pura, fauna selvatica e risorse naturali. Nel Parco Nazionale Los Alerces, troverete tutto questo e molto altro in un unico posto. Dagli antichi alberi di Alerces ai ghiacciai massicci, scoprirete un'infinita riserva di magnifici paesaggi e avrete accesso a fantastici percorsi di trekking e splendidi e coloratissimi laghi. Questo meraviglioso parco è una destinazione eccellente sia per i gruppi che per i viaggiatori solitari, che cercano un primo approccio alla Patagonia. Grazie alla sua posizione (a meno di un'ora dalla città di Esquel) e alla vasta gamma di possibili attività che vi si possono svolgere, il parco è tipicamente frequentato.

Los Alerces National Park
Los Alerces National Park
Nationalpark Los Alerces, Chubut, Argentinien

Il Parco Nazionale Los Alerces è stato istituito nel 1902, mentre la riserva naturale è stata creata nel 1937. L'area protetta copre una zona di 263.000 km, il che significa che è grande quasi quanto la Nuova Zelanda. Il suo nome si ispira ad uno degli alberi più popolari e apprezzati della regione: l'"alerce", un'antica specie arborea tipica delle foreste fredde dell'Argentina meridionale e del Cile. In realtà, ai vecchi tempi, l'Alerce era chiamata Lehuan dai Mapuches, l'antica tribù che viveva nella regione. Molti la chiamano ancora così. Questa specie è una delle più grandi e longeve della terra. Possono vivere fino a 4.000 anni e raggiungere facilmente più di 50 metri di altezza. All'interno del parco ci sono cinque laghi: Futalaufquen, Verde, Krüger, Rivadavia, Menéndez e il fiume Arrayanes.

 © istock/David González Rebollo
© istock/David González Rebollo

Molte specie diverse di animali e uccelli vivono e si aggirano nel parco. Il Huemul, un mammifero simile al cervo, è l'animale più emblematico del parco, ma, se si ha la fortuna, qui si incontrano anche picchi della Patagonia, condor, aquile, marsupiali, puma (felini selvatici nativi dell'Argentina), "Huillín" (mammiferi simili a lontre), cervi, lontre e cinghiali, tra i tanti altri. Oltre ad Alerces, il parco ospita anche una grande varietà di specie vegetali che creano paesaggi incredibili con colori che cambiano in ogni stagione. Non dimenticare di portare la fotocamera completamente carica e tenerla pronta.

Questa impressionante riserva naturale offre una vasta gamma di attività, in modo da poter scegliere quelle che meglio si adattano alle proprie esigenze. Tra le attrazioni principali, la visita del ghiacciaio di Torrecillas e la millenaria Alerce sono attività da non perdere. Il ghiacciaio, formatosi ventiquattromila anni fa, si trova nella parte occidentale del parco, vicino al confine con il Cile ed è ancora oggi un tesoro inedito. Per arrivarci è necessario percorrere alcuni sentieri di trekking e fare un giro in barca; può sembrare difficile, ma ne vale la pena. L'Alerce millenario, o "il nonno", è un Alerce vecchio di oltre 2600 anni e alto più di 50 metri, che abbaglia anche il visitatore più indifferente. Sulla strada per l'albero, si passa attraverso incredibili foreste, ponti di corda, e molto altro ancora.

Torrecillas glacier
Torrecillas glacier
The Millenary Alerce
The Millenary Alerce

Per quanto riguarda l'alloggio, è possibile dormire a Esquel o a Villa Futalaufquen, l'unica città situata all'interno del parco dove si trovano aree di campeggio, cabine e alcune forniture di base - dipende dal vostro budget e dalla vostra auto. Se scegliete di soggiornare a Esquel, potete raggiungere il parcheggio in auto (ci sono molte compagnie di autonoleggio) o, durante il fine settimana, ci sono autobus a basso costo che vi portano lì. Se decidete di dormire a Esquel, approfittatene e visitate Trevelin per scoprire la comunità del Galles in Argentina e le sue usanze.

 © istock/xeni4ka
© istock/xeni4ka

Los Alerces è davvero un parco fantastico che catturerà ogni singolo visitatore. È un parco che offre così tante attività diverse che possono essere combinate in modi infiniti, a seconda di ciò che più vi piace. Vi consiglio vivamente di visitare questo impressionante parco dove potrete sperimentare un fantastico legame con la natura e con voi stessi. Insomma, è un immenso paradiso forestale dove sia i fotografi professionisti che i maestri Instagram scopriranno davvero lo scenario perfetto per le creazioni più indimenticabili.


Lo scrittore

nicolas grafia

nicolas grafia

Sono nato e cresciuto in Argentina; amo le sue città, i suoi villaggi, i suoi paesaggi..... e la sua gente! Durante l'itinerario, cerco di condurvi in un indimenticabile viaggio virtuale attraverso le più belle regioni del mio paese. Il mio obiettivo personale è quello di trasmettere con successo l'atmosfera e le vibrazioni locali, ispirando al contempo i lettori abbastanza da voler scoprire i luoghi da me evidenziati.

Altre storie di viaggio