Monastero di Duži, tempio della serenità dal 1694

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Tra i rigogliosi boschi di Trebinje e le abbondanti vigne di Popovo Polje, sulla riva sinistra del fiume Trebišnjica, si trova il centro spirituale ortodosso più meridionale della Bosnia-Erzegovina, il Monastero di Duži. Una volta una tenuta e un rifugio del monastero di Tvrdoš, nonché un epicentro delle rivolte in Erzegovina, questo santuario ha giocato un ruolo significativo nella storia della zona più grande. Distrutto e abbandonato più volte, il monastero risuscitò negli anni '50, quando divenne convento di suore. Oggi, in questa oasi di pace e contemplazione, il silenzio è interrotto solo dalle campane delle chiese e dalle api indaffarate. Quindi, se siete a Trebinje o sulla costa adriatica, ricordate che in meno di 15 minuti di auto, si può trovare questo tempio di serenità dal 1694.

Un frammento di Santa Croce

Risalente alla fine del XVII secolo, questo santuario è dedicato alla Sindone di Maria Vergine e appartiene al gruppo dei monasteri più giovani dell'Erzegovina. Situata a 10 km a sud-ovest di Trebinje, la chiesa del monastero di Duži è un edificio ad una navata con un altare semicircolare e il campanile con tre campane. Realizzato in pietra bianca con rilievo inciso, è un buon esempio di chiesa tipica dell'Erzegovina che si inserisce perfettamente nell'ambiente mediterraneo, in combinazione con lo stile bizantino. Dopo la prima guerra mondiale, in questo monastero c'erano alcuni monaci che fuggirono dall'impero russo sulla scia della Rivoluzione d'Ottobre, che affrescarono la chiesa. Nonostante le innumerevoli devastazioni e rapine, il più grande tesoro di Duži - un frammento della Santa Croce, è ancora ben conservato qui.

Tenuta e rifugio del monastero di Tvrdoš

La prima esistenza di questo santuario è strettamente legata alla storia del vicino monastero di Tvrdoš. Situato a soli nove chilometri a sud di Tvrdoš e di essere la sua tenuta, divenne anche un rifugio per il vescovo metropolitano e monaci nel 1694, quando la culla dell'ortodossia in Erzegovina è stata distrutta dai veneziani. La sede metropolitana rimase in questo monastero fino al 1776, quando fu trasferita a Mostar. La confraternita di Tvrdoš si è ampliata e ha ricostruito buona parte del monastero di Duži. Importanti reliquie furono portate anche a Duži in quel periodo.

Un epicentro delle rivolte in Erzegovina

Oltre al suo ruolo spirituale, il monastero Duži durante la sua storia turbolenta è stato anche un epicentro della rivolta dell'Erzegovina contro gli Ottomani dal 1857 al 1877. All'indomani di quegli eventi, devastato e saccheggiato più volte dai turchi, il santuario fu abbandonato e riabitato con l'arrivo degli austro-ungarici. Diserita dopo la seconda guerra mondiale, fu infine ricostruita dalle suore negli anni Cinquanta. Da allora, le ricostruzioni sono in corso in modo permanente. Gli ultimi decenni del monastero di Duži, un tempio di serenità dal 1694, sono stati molto più pacifici, il che ha portato alla loro attenzione per l'apicoltura, così come la viticoltura come la confraternita nella cantina di Tvrdoš. Un consiglio: quando arrivate in questo posto, non dimenticate di visitare il vicino Monastero di San Pietro e Paolo, uno dei più antichi dei Balcani.

Duži Monastery
Duži Monastery
Duži, Bosnia and Herzegovina

Foto © Crediti all'Organizzazione Turistica di Trebinje


Lo scrittore

Ljiljana Krejic

Ljiljana Krejic

Sono Ljiljana, della Bosnia-Erzegovina. Essendo un giornalista, non posso sfuggire a questa prospettiva quando viaggio. La mia missione è farvi esplorare l'ultima gemma ancora da scoprire in Europa.

Altre storie di viaggio