Cover photo © credits to iStock/dikobraziy
Cover photo © credits to iStock/dikobraziy

Röstigraben: un confine culturale in Svizzera

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Se siete già stati in Svizzera, probabilmente sapete cos'è il rösti. Questo piatto tradizionale svizzero a base di patate grattugiate e fritte in padella proviene dal Cantone di Berna, capitale della Svizzera. Ma è diventato molto popolare in tutto il paese.

Photo © credits to iStockphoto/ALLEKO
Photo © credits to iStockphoto/ALLEKO

Non parleremo di cibo in questa storia, ma di una frontiera immaginaria e divertente che divide il paese in Svizzera occidentale (francofona), centrale e orientale (germanofona).

La Svizzera raccoglie pacificamente una grande varietà di culture: In tutto il paese si parlano quattro lingue ufficiali: tedesco (62,6% della popolazione), francese (22,9%), italiano (8,2%) e romancio (0,5%). Queste lingue sono direttamente associate a tradizioni, stili di vita e mentalità diverse. Nonostante si identifichino come un unico paese, gli svizzeri riconoscono queste differenze e le usano per stuzzicare i loro vicini o per prendersi gioco di se stessi.

Photo © credits to Wikimedia Commons/Marco Zanoli
Photo © credits to Wikimedia Commons/Marco Zanoli

La parola "Röstigraben" lo dimostra perfettamente. Letteralmente significa fosso rösti, questa parola svizzero-tedesca apparve per la prima volta durante la prima guerra mondiale. La Svizzera era neutrale all'epoca, tra l'Impero tedesco e la Repubblica francese: l'opinione degli svizzeri era a favore della Germania tra le regioni di lingua tedesca o della Francia tra le regioni francofone della Svizzera. Un'altra parola alimentare è usata per indicare il confine tra la Svizzera tedesca e il Ticino, cioè la Svizzera italiana: Polentagraben (fosso della polenta).

Il röstigraben è un confine linguistico e culturale che si estende dalle valli del Giura a nord, insieme ai laghi di Bienne, Neuchâtel e Murten. Poi, costeggia il fiume Sarine attraverso gli altipiani svizzeri (altopiano), una regione prevalentemente pianeggiante e collinare tra il Giura e le Alpi. Attraversa cantoni, città e villaggi come Friburgo, Murten e Saanen. In questi casi, sia il francese che il tedesco sono utilizzati nelle amministrazioni e nelle scuole. Successivamente, il confine prosegue attraverso le Alpi e la Valle del Rodano nel Canton Vallese fino al confine italiano con la Valle d'Aosta.

Photo © credits to Marie-Madeleine & Giuseppe
Photo © credits to Marie-Madeleine & Giuseppe

A parte la separazione linguistica, l'uso della parola Röstigraben si diffuse negli anni '70 per designare più specificamente una scissione culturale tra i due lati della barriera linguistica. Nel sistema politico svizzero, le elezioni vengono regolarmente utilizzate per le decisioni pubbliche.

Photo © credits to Wikimedia Commons/Ludovic Péron
Photo © credits to Wikimedia Commons/Ludovic Péron

Situato nel centro della città di Friburgo, vicino al fiume Sarine, un monumento celebra il Röstigraben e il forte legame tra le due aree del paese. Sin dagli inizi della sua storia, la Svizzera è stata un paese di culture e lingue diverse. La Svizzera o la Confederazione Svizzera è un paese composto da 26 cantoni o Stati, di varie dimensioni, che esercitano tutti un forte potere locale. Lo Stato federale svolge un ruolo di grande tatto sia nella protezione delle specificità di ogni Stato, sia nel coordinamento delle diverse esigenze e aspettative. Probabilmente, nonostante le differenze, è per questo che in tutta la Svizzera si trova una nazione con una forte identità patriottica.

Photo © credits to iStockphoto/RossHelen
Photo © credits to iStockphoto/RossHelen

Lo scrittore

Marie-Madeleine & Giuseppe Renauld

Marie-Madeleine & Giuseppe Renauld

Marie-Madeleine e Giuseppe sono una coppia che vive a Ginevra, Svizzera. Sono entrambi appassionati di viaggi, storia, culture e cucina tradizionale. Condividono storie su Bruxelles e il sud del Belgio, così come la valle italiana del Monte Bianco e dintorni.

Altre storie di viaggio