© Mark Levitin
© Mark Levitin

La tribù dal collo lungo dello stato di Kayah

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Selvaggio e montuoso, lo stato di Kayah in Myanmar era off-limits per i turisti stranieri fino a pochi anni fa. Finora le possibilità di alloggio sono limitate nella città di Loikaw e inesistenti al di fuori di essa. Angoli remoti di questa terra rimangono essenzialmente inesplorati, forse anche dai birmani, ed estremamente difficili da raggiungere. Ma ancora più vicino alla città, ci sono molte attrazioni. Il punto chiave qui sono le culture tribali: una religione animista endemica, uno stile di vita tradizionale e, soprattutto, le famose (o famigerate) donne dal collo lungo della tribù Kayan. Qualunque sia l'ambiguità morale che circonda la visita alle loro enclavi nel nord della Thailandia non si applica qui. Questo non è uno zoo umano, ma un gruppo di villaggi indigeni e, semmai, i Kayan traggono vantaggio dal turismo, soprattutto se lo si visita in modo indipendente.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

I villaggi di Kayan

Alcune ragazze dal collo lungo, vestite e adornate di thanaka, possono essere viste in posa per i turisti domestici vicino al lago Ngwe Taung, appena a sud di Loikaw. Il lago stesso funge da attrazione minore, e la vicina città di Demoso ha un buon mercato tribale, ma i veri villaggi Kayan sono più lontani. La maggior parte di essi si trova all'interno o nei dintorni del gruppo di Ponpet - alcune mappe infatti mostrano Ponpet I, Ponpet II, e così via, anche se gli abitanti del villaggio hanno nomi diversi per i loro villaggi. Poco prima di raggiungerlo, lungo la strada c'è una fila di negozi di souvenir, spesso con donne dal collo lungo che tessono su telai a mano; i tour di gruppo raramente vanno oltre. Il primo villaggio, il vero Ponpet, è il luogo dove si fa più tessitura. Proseguendo oltre, si arriva ad un campo di antiche Key To Bo - strutture religiose, una sorta di totem - per poi raggiungere il villaggio successivo. Qui alcuni adolescenti di lingua inglese possono fare da volontari come guide - un'idea utile se non si parla birmano. Oltre a questo, non aspettatevi niente di adatto al turismo o influenzato da esso. I Kayan vivono per lo più dei loro campi e dei loro mandriani, sorprendentemente grandi per l'etnia che è stata di recente vittima dell'oppressione politica. Sentitevi liberi di andare in giro. La maggior parte delle persone qui non sono né eccezionalmente gregari né solitari - con ogni probabilità, vi tratteranno con una leggera curiosità, niente di più.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

E' tutta una questione di collo

Il motivo che sta dietro ai colli estesi delle donne Kayan non è chiaro: alcune citano il loro mitico antenato, un drago (si pensi alla razza cinese, con un lungo collo squamoso), la maggior parte ricade sull'idea comune di proteggere le ragazze dal rapimento da parte delle tribù vicine. Qualunque sia l'origine, la pratica è viva e vegeta, a differenza di tante tradizioni tribali di abbellimento al giorno d'oggi nel mondo. Vecchie befane e bambine in età prescolare avvistano le famose bobine di ottone al collo. E sì, sono bobine, non anelli. Anche se questo può sembrare spaventoso, anche doloroso, come un vero e proprio strumento di tortura, non lo è - e forse le tribù papuane penserebbero lo stesso di un reggiseno. La favola della rimozione della bobina come punizione per l'adulterio è proprio quella, una bugia, e no, il collo non si spezzerà se lo toglieranno. A volte lo fanno, soprattutto per lavare la pelle sottostante. Con un po' di fortuna, si può incontrare una nonna che srotola la bobina su una giovane ragazza per sostituirla con una leggermente più lunga. Questo deve essere fatto regolarmente per garantire una regolazione costante dello scheletro. Quello che succede non è che il collo si estenda realmente - aumentando la distanza tra le vertebre avrebbe alla fine paralizzato il bambino - ma che la cintura della spalla venga spinta verso il basso, rilasciandone di più o la colonna vertebrale. I colli lunghi hanno il costo di corpi un po' squadrati.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Kan Khwan - la fede Karenni

Se potete, provate a visitare lo stato di Kayah a marzo. Qui si svolge il cosiddetto Capodanno Karenni, il festival Key To Bo. Le date differiscono da villaggio a villaggio, quindi è probabile che coincidano con almeno una di queste se si chiede in giro. Le Key To Bo, pilastri di legno di tre varietà, simboleggiano le tre forze della vita: quella maschile, quella femminile e quella della terra fertile. Durante la festa viene eretto e consacrato un nuovo pilastro maschile, seguito da canti, divinazioni, danze tradizionali e preghiere di massa. Questa fede animista, Kan Khwan, non è unica per la tribù Kayan, ma è comune anche ad altri sottogruppi di Karenni. Può benissimo essere un aspetto più stimolante della loro cultura rispetto alle donne dal collo lungo (anche se i colli, in realtà, sono più fotogenici).

Ponpet village, Kayah State
Ponpet village, Kayah State

Lo scrittore

Mark Levitin

Mark Levitin

Sono Mark, un fotografo professionista di viaggi, un nomade digitale. Negli ultimi quattro anni sono stato in Indonesia; ogni anno trascorro circa sei mesi e l'altra metà dell'anno in viaggio verso l'Asia. Prima di allora, ho trascorso quattro anni in Thailandia, esplorando il paese da ogni punto di vista.

Altre storie di viaggio