© Mark Levitin
© Mark Levitin

Mindat, Chin State: facce tatuate e animismo

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Nascosta nello stato di Southern Chin State si trova una città mercato di Mindat. Essenzialmente un insediamento non descritto, senza attrazioni turistiche in quanto tale e con una leggera sensazione di frontiera, Mindat attira un numero crescente di viaggiatori alla ricerca di esempi unici di cultura tribale. L'attrazione principale sono i volti tatuati delle donne Chin. Se si ha tempo a disposizione, c'è spazio per scavare più a fondo: l'animismo, il culto degli spiriti, ancora forte nonostante l'afflusso travolgente del cristianesimo; un raro strumento popolare, il flauto al naso; e l'allevamento del mithun, una specie quasi endemica di bestiame domestico. Le colline circostanti offrono buone opportunità di trekking, compresa un'escursione alla cima del Monte Vittoria. Arrivare in città è abbastanza semplice: ogni mattina partono autobus diretti da Pakokku, a loro volta ben collegati con Bagan, Monywa e Mandalay.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Tatuaggi sul mento

La pratica di tatuare il viso delle ragazze è stata abolita qualche decennio fa. Questo significa che non vedrete i tatuaggi su chiunque abbia meno di 40 anni o giù di lì, ma molte donne più anziane di Mindat individuano i tipici motivi: un miscuglio di punti per la tribù M'kuum, e linee arrotondate, un po' come la lettera "B", per i Muun. Il motivo più comune dato dal mento per questa peculiare tradizione è quello solitamente fornito per bizzarri metodi tribali di abbellimento: per evitare che i vicini rapiscano giovani ragazze come spose o concubine. Sembra che non ci sia nessun rituale o sfondo religioso, è semplicemente un'usanza popolare. E come tale, ahimè, può essere considerata una cosa del passato.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Flauto nasale

Questo strumento è un flauto ordinario, non diverso dallo shakuhachi giapponese; l'unica particolarità è che viene suonato con le narici, non con la bocca. Spesso viene descritto come una tradizione Chin unica, ma questo è sbagliato - poche altre tribù in vari paesi hanno strumenti a fiato simili, le più vicine vivono in Rajasthan, in India. Anche i Chin stanno lentamente dimenticando quest'arte. Yaw Shen, una donna molto anziana di Mindat, è diventata una sorta di attrazione turistica dal vivo, affermando di essere "l'ultima suonatrice di flauto al naso". In realtà, non è l'unica, ma una delle poche rimaste, e tutti gli altri maestri del genere vivono in villaggi remoti. Potresti essere fortunato e incontrarli se vai a fare trekking, altrimenti Yaw Shen è la tua unica scelta.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Cerimonie animiste

Il culto dello spirito in Myanmar fa parte della vita quotidiana - i templi nat sono onnipresenti come le pagode buddiste. Anche il Mento si riferisce ai propri spiriti come nat, ma hanno poco a che fare con i 37 nat ufficiali del pantheon birmano. È una forma tipicamente tribale di animismo, il culto sugli spiriti della natura, piuttosto che sugli antichi re e mistici divinizzati che sono diventati nats. Alcuni semplici rituali possono essere osservati nel giorno dello Stato del mento, che normalmente cade il 20 febbraio di ogni anno. Per assistere a una vera cerimonia, bisogna investire tempo e fatica o affidarsi alla fortuna. Una di queste occasioni è Lung Yu, il raduno degli sciamani. Questo comporta un sacco di canti, sacrifici di mitra e di pollo e, naturalmente, un sacco di alcolici di miglio. A parte l'attività religiosa, per un viaggiatore è una buona occasione per vedere gruppi di abitanti del villaggio con la faccia tatuata in un'atmosfera di festa. Probabilmente ti faranno anche ubriacare.

Mindat, Chin State
Mindat, Chin State
Mindat, Myanmar (Burma)

Lo scrittore

Mark Levitin

Mark Levitin

Sono Mark, un fotografo professionista di viaggi, un nomade digitale. Negli ultimi quattro anni sono stato in Indonesia; ogni anno trascorro circa sei mesi e l'altra metà dell'anno in viaggio verso l'Asia. Prima di allora, ho trascorso quattro anni in Thailandia, esplorando il paese da ogni punto di vista.

Altre storie di viaggio