© Mark Levitin
© Mark Levitin

La guida definitiva per scolpire i Buddha a Mandalay

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Passando a sud della Pagoda Mahamuni a Mandalay ed entrando in via Kuauk Sit Tan, vi troverete improvvisamente di fronte a un esercito di cloni. Bianchi, grigi e verde lattuga, alti abbastanza per affacciarsi sui tetti delle case vicine e tascabili, completati e incompiuti. Molti hanno un corpo lucido e scintillante, ma solo un rettangolo ruvido al posto del viso. Alcuni non sono nemmeno umani, nemmeno reali - animali, draghi, creature mitiche. Ma la maggior parte sono Sakya-Muni, copie infinite di Lord Buddha. Questa è l'ultima guida alla strada di Mandalay, con lamentosi utensili elettrici, martelli tonanti e nuvole di polvere di pietra. Gli artigiani si accovacciano tra le sculture, producendone di nuove in movimento. Le vendite vengono effettuate sul posto. E anche se non è una meta turistica in sé, i viaggiatori accovacciati con le loro macchine fotografiche en garde, che cercano di allineare gli operai con le statue per quella cornice perfetta, sono uno spettacolo comune.

Kyauk Sit Tan Street, Mandalay
Kyauk Sit Tan Street, Mandalay
Mandalay, Myanmar (Burma)

Trovare i tuoi marmi

© Mark Levitin
© Mark Levitin

La storia dell'intaglio del marmo in questa parte del Myanmar è lunga, fino alle antiche civiltà. Gli archeologi hanno portato alla luce statue di marmo nella maggior parte dei siti di scavo birmani, ovvero le città perdute dell'impero di Pyu, un tempo potente. Oggi il commercio è fiorente, sostenuto dai grandi depositi di questa roccia facilmente lavorabile a nord di Mandalay. Il lavoro è duro per il corpo, con la polvere di pietra che lentamente danneggia l'apparato respiratorio dei lavoratori, ma gratificante. I mercanti thailandesi e cinesi, i principali acquirenti delle sculture, pagano piuttosto bene. Una statua di dimensioni medie si vende per poche centinaia di dollari americani, che è molto in questo paese prevalentemente agricolo. Questo, naturalmente, è condiviso tra gli artigiani, con gli scultori che si prendono la maggior parte dei profitti. Gli operai ausiliari - tagliatori, lucidatori e così via - ottengono molto poco, ma è comunque un lavoro affidabile. Un problema attualmente in aumento è che la Cina non smette di spedire le statue pronte. Un certo numero di aziende cinesi o finanziate dalla Cina hanno recentemente acquistato dei terreni sulle colline di marmo di Sagyin, dove si estrae la pietra a livello industriale. Se dovesse mai esaurirsi, questo secolare artigianato birmano sarà condannato.

Le colline di marmo di Sagyin

© Mark Levitin
© Mark Levitin

"Marmo" in birmano è "sagyin". Sagyin è anche il nome di un villaggio situato a circa 40 km a nord di Mandalay, ai piedi di alte colline di marmo - il più grande deposito di questo tipo nel paese. Alcuni sostengono addirittura che non sia stato il minerale a dare il nome al villaggio, ma il contrario. Più o meno tutta la popolazione di Sagyin è coinvolta nell'industria dell'intaglio, in un modo o nell'altro: estraendo la pietra, trasportandola, tagliandola o scolpendola. Per un viaggiatore, questo posto può essere preferibile alla strada degli artigiani di Mandalay. Anche se ci vuole più impegno per arrivarci, l'esperienza è più salutare, in quanto si assiste all'intera catena di produzione, e l'ambiente naturale batte chiaramente la città come sfondo per le fotografie. Il trasporto pubblico è scarso, limitando essenzialmente le opzioni a un taxi o all'autostop. Ancora una volta, anche se non si tratta di un'attrazione turistica, gli artigiani locali sono inevitabilmente ospitali e saranno lieti di invitarvi nei laboratori. Infatti, la maggior parte del lavoro si svolge all'aperto, e le strade da e per il villaggio sono fiancheggiate da statue giganti di Buddha. Un po' più lontano, c'è un lago tranquillo e riflettente, e oltre a questo, il punto di riferimento per eccellenza: le colline di marmo bianco di Sagyin.

Sagyin, Mandalay Division
Sagyin, Mandalay Division
Sagyin, Myanmar (Burma)
© Mark Levitin
© Mark Levitin

Lo scrittore

Mark Levitin

Mark Levitin

Sono Mark, un fotografo professionista di viaggi, un nomade digitale. Negli ultimi quattro anni sono stato in Indonesia; ogni anno trascorro circa sei mesi e l'altra metà dell'anno in viaggio verso l'Asia. Prima di allora, ho trascorso quattro anni in Thailandia, esplorando il paese da ogni punto di vista.

Altre storie di viaggio