Navigare Intorno Agli Iceberg In Groenlandia

6 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

La prima volta che ci si trova davanti ad un iceberg si prova una sensazione paragonabile a quella suscitata dal primo bacio, dal primo amore, dal primo risveglio dopo una sbornia; un momento emozionante che non dimenticherai mai. Il mio primo appuntamento con i giganti di ghiaccio è stato lo scorso luglio 2017. Mi ricordo di quanto fossi eccitata, quando sono salpata dalla riva a bordo di un’imbarcazione arancione, seduta sulla fredda panca in plastica con la custodia della mia macchina fotografica tra le gambe. Non sapevo cosa aspettarmi e la prima cosa che ho pensato fu: "Ho portato con me gli obiettivi giusti?" Temevo di non aver fatto la scelta giusta e avevo paura di perdermi lo scatto perfetto, il momento giusto, la luce ideale, i dettagli. In ogni caso era troppo tardi, la barca stava lasciando la città di Tasiilaaq diretta verso il mare aperto.

La prima volta che si naviga in Groenlandia è anche un momento memorabile per le l’assurdità che si possono osservare. In estate la Groenlandia è abbastanza calda, le temperature salgono a circa 10-15 gradi e, se non è un’estate ventosa, il sole è molto caldo e probabilmente se foste qui in questo periodo indossereste solo una maglietta leggera. E’ esattamente l'opposto di quello che pensa la maggior parte delle persone che non hanno mai viaggiato in Groenlandia (me compresa). Tuttavia, non appena ci si trova in mare aperto, le temperature cambiano, prima di tutto perché in mare fa più freddo rispetto all’entroterra, e anche perché di solito c’è più vento e le barche navigano abbastanza velocemente. Si sente poi l'aria gelida che scende dai ghiacciai e fa lo slalom attraverso gli iceberg prima di colpirci in pieno viso, sul corpo e penetrare attraverso i nostri vestiti. Per questo motivo la gente del posto di solito consiglia di indossare abiti più caldi quando si sale in barca e, così succede che talvolta, le persone come me, per affrontare la loro prima volta in mare aperto indossano troppi vestiti..e infatti, Viggo, il capitano della nostra barca mi ha chiesto quel giorno, se stavo partendo per una spedizione sulla Luna.

Tuttavia, tralasciando il mio abbigliamento, quando mi sono trovata davanti per la prima volta un iceberg ero veramente molto eccitata, un po’ confusa e un po’ nervosa; solo allora mi sono resa conto di quanto poco fossi di fronte alla natura e di quanto possono essere impressionanti e imprevedibili gli iceberg, giganti e instabili allo stesso tempo, possono rompersi in qualsiasi momento, e solo quando si sente il profondo e forte fragore del ghiaccio che si rompe e cade in mare, ci si rende conto di essere solo uno spettatore là fuori, senza alcun potere su questo impressionante fenomeno. Gli inuit quando navigano non si avvicinano mai troppo agli iceberg, ed è proibito salirci nonostante l’idea sia davvero allettante, si sa, sono tanto belli quanto pericolosi. L'unica cosa che ero in grado di fare, completamente ipnotizzata e ipnotizzata da questo fenomeno, era quella di scattare delle fotografie, dovevo scattarne tante, per essere sicura di avere un ricordo di quel giorno che sarebbe durato per sempre.

Mentre percorrevamo uno slalom tra le immense montagne di pacifico ghiaccio galleggiante presenti tutte intorno a noi, succede che improvvisamente, rimaniamo bloccati nel ghiaccio. Viggo, il nostro capitano esperto, che conosce i fiordi come le sue tasche, ha fermato la barca e si è guardato intorno, senza dire nulla. Ho cercato di capire che cosa stesse osservando, ma, a parte un largo mare bianco ghiacciato, non riuscivo a distinguere nient'altro. Tuttavia lui è riuscito nel suo intento e con un sorriso dipinto sul volto, mentre capiva pian piano quello che era successo, ha scelto una direzione, ha maneggiato delicatamente con la strumentazione bianca congelata dell’imbarcazione e dopo aver trovato gli incastri giusti come in un puzzle, ha accelerato dolcemente e dopo pochi minuti ci siamo liberati dalla morsa del ghiaccio; la vela ha ripreso a sventolare nell’aria ghiacciata che mi sbatteva sul viso, che anche se quasi interamente coperto, lasciava entrare spifferi di aria gelida che mi facevano sentire viva!

Era tutto per quel giorno? Non proprio..! L'iceberg più sorprendente infatti stava per apparire davanti ai miei occhi. Come una bambina quando vede Babbo Natale per la prima volta, mi sono alzata in piedi sulla barca con la bocca aperta, mi sono strofinata gli occhi, ho puntato il dito, e mi sono chiesta "Che cos'è?” Le altre persone che non stavano guardando improvvisamente hanno girato la testa e Viggo rallentando la barca, mi ha guardato e sorridendo ha risposto: "E 'un iceberg, perché mi chiedi cosa è?" E continuai "Ma è blu" e lui rideva, "Blue Ice" mi rispose. Ghiaccio blu? Cosa? Ho sempre immaginato che gli iceberg fossero bianchi, come la neve, non blu o turchesi come i ghiaccioli d'estate. Esistevano Iceberg di diversi colori? Apparentemente sì, ed erano di fronte a me, in una infinita moltitudine di forme scolpite dall'acqua e dal vento, bianco, blu, turchese, grigio.. il sole intanto scintillava e rifletteva il suoi raggi color oro nel mare poco prima che le nuvole coprissero il cielo facendoli spuntare solo a tratti sul paesaggio; un festival di colori e scintillii, tutto intorno a noi, era come se in quel momento la terra fosse un mondo magico. Ho ripreso a scattare fotografie, sentendo l'adrenalina passare attraverso le dita e gli occhi fissi sul il mio obiettivo, ero tutt'uno con la mia fotocamera, cercando di imprimere quei paesaggi nella mia scheda SD.

Improvvisamente la barca si fermò di nuovo, abbassi la macchina fotografica e quando pensai di aver visto tutto, Viggo "parcheggiò" la barca contro un grande banco di ghiaccio e con la sua mano mi invitò a scendere dalla barca. Stava scherzando? Mi stava prendendo in giro? L'ho guardato incredula, mi ha sorriso e mi ha detto piano: "Vieni" mi fidavo di lui, quindi ho messo un piede sul ghiaccio che si rompeva sotto le mie scarpe come quando camminavo sulla neve, ho potuto sentire il ghiaccio e la barca che ballava leggermente sull'acqua, ma stabile, ho messo il mio altro piede verso il banco, ho tenuta stretta la mia macchina fotografica e ho mosso i miei primi passi. Ero molto cauta, come la mia prima volta su pattini da ghiaccio, quando si è pronti a cadere ad ogni secondo e ad ogni movimento che si fa, ho potuto sentire Viggo piacevolmente ridere di me alle mie spalle, e ho sorriso anche io, ero eccitata, ho potuto sentire i miei battiti cardiaci aumentare, il mio corpo e la mia mente non erano ancora rassicurati di essere lì in piedi su un pezzo di ghiaccio in mezzo alle acque estremamente fredde che se accidentalmente vi si cade dentro, si hanno solo 3 minuti per uscire prima di entrare in ipotermia..ma quanto è stato impressionante! Mi sono girata e ho visto che le altre persone della barca si stavano unendo a me con la stessa paura che avevo io e Viggo sorrideva di noi dalla barca arancione. Per la prima volta quel giorno, per un attimo, ho dimenticato la macchina fotografica, sono stata lì a guardarmi intorno, riempiendomi di quel panorama e di tutte le emozioni che mi stava regalando. Una volta tornata in barca ho imparato che i banchi di ghiaccio, al contrario degli Iceberg, sono abbastanza sicuri perché sono piatti e spesso usati dai cacciatori per pulire le foche catturate, e anche che probabilmente gli inuit si divertono molto osservando come i turisti reagiscono la prima volta che vi mettono piede.

Quella sera, seduta alla mia scrivania, mi resi conto che avevo avuto così paura di perdere lo scatto del giorno che avevo scattato più di mille foto, mi sono messa a ridere, consapevole che il mio primo giorno di navigazione intorno agli iceberg sarebbe rimasto nei miei ricordi per sempre, anche se non avessi avuto una sola foto nella mia macchina fotografica.

Icebergs Watching in Greenland
Icebergs Watching in Greenland

Lo scrittore

Lucia Gaggero

Lucia Gaggero

Mi chiamo Lucia, sono una fotografa italiana che ama raccontare e condividere storie, avventure, leggende e il grande Nord.

Altre storie di viaggio